Cibo batte Estetica: 7 trattorie bolognesi più buone che belle

15 settembre 2016

Da qualche tempo il centro storico di Bologna brulica di nuovi locali e piccoli bistrot in cui si può mangiare in un’atmosfera molto curata. Nessun dettaglio è lasciato al caso, dall’allestimento del locale, alla mise en place si nota l’attenzione e la cura nella scelta. posti che da fuori non entusiasmano eppure nascondono piacevoli scoperte culinarie Tutto ciò non sempre si sposa con buona cucina, è vero, l’apparenza a volte inganna e lo stesso piacere non si prova poi al palato. Atmosfera curata non sempre è sinonimo di buona cucina dunque, ma che dire invece di quei posti che da fuori non ci entusiasmano e che invece si rivelano delle piacevolissime scoperte culinarie? Osterie, ristoranti, trattorie in cui la parola chiave è sicuramente il contenuto del piatto, più che il locale, ma a noi golosi non importa troppo, perché si sa che di città in città si scoprono spesso posti all’apparenza meno invitati, ma davvero gustosi. Ne abbiamo cercati alcuni a Bologna, forse un po’ vecchia scuola, ma con uno stile e un fascino unico, imbucati in strette stradine del centro o subito fuori città, che ci hanno conquistato anche a tavola.

  1. trattoria amedeoTrattoria da Amedeo (via Saragozza, 88). La Bologna di sempre, eccola qui. È un ristorante piccolino e poco pretenzioso, che a una vista frettolosa potrebbe quasi sfuggire, eppure vale la pena sedersi per una cena molto bolognese. Se non avete voglia della classica cucina di carne potete optare per il pesce, ma la cotoletta alla bolognese è da provare.
  2. Ristorante Lago Biacchese (via dei Maceri, 3 – San Lazzaro di Savena). In una stradina della prima campagna bolognese, circondato da laghetti da pesca, è proprio il classico posto che da fuori non entusiasma, ma che all’interno propone un’ottima cucina tradizionale bolognese. Le tagliatelle al ragù e le polpette al sugo sono quanto di più simile alla cucina della nonna bolognese possa esistere, ma per chi preferisce altro ci sono anche crescentine in abbondanza.
  3. il mulino bruciatoTrattoria Il Mulino Bruciato (via della Selva Pescarola, 50). Arrivate qui affamati, perché le porzioni sono assai abbondanti. È il classico posto del dopo partita, o delle cene di gruppo, ma si spende il giusto e la cotoletta alla bolognese è qualcosa di imperdibile, sia nella versione classica sia in quella al tartufo.
  4. chiosco ai piniRistorante Chiosco Ai Pini (via Emilia Ponente, 351). Crescentine e tigelle in pieno stile bolognese. Anche qui l’atmosfera è spartana, ma il risultato ottimo. La particolarità di questo posto è che oltre ai classici salumi che accompagnano le tigelle e le crescentine, vi sarà servito anche un vassoio con tante ciotoline ripiene di specialità dal dolce al salato, dal ragù bolognese, al friggione, dalla marmellata al cioccolato.
  5. da maroTrattoria da Maro (via Broccaindosso, 71). Pesce a Bologna: l’accoppiata potrebbe sembrarvi quasi insolita, ma da Maro, in una di quelle stradine del centro storico non proprio dedicate alla passeggiata serale, potete trovare  una cucina quasi totalmente siciliana, il pesce è il vero protagonista, ma non mancano anche alternative gustose.
  6. Osteria dello Scorpione (via Santa Caterina, 75). Bisogna sapere dov’è per trovarlo, perché in questo locale si accede da una porta poco vistosa e l’ingresso è un po’ buio, ma quello che troverete all’interno è un’osteria bolognese con tutto il fascino di una volta, giochi da tavolo e soprammobili compresi. Qui si mangiano prevalentemente panini e piccoli assaggi, oppure la pasta e fagioli che è una delle più buone della città.
  7. sergheiSerghei (via Piella, 12). Pochi posti, ma buoni si potrebbe dire. In questa trattoria a conduzione familiare, piccola e molto tipica. Si mangia bolognese in tutte le sue declinazioni, dalle tagliatelle al ragù, passando per la gramigna con la salsiccia, fino ad arrivare ai tortellini in brodo. Polpette e zucchine ripiene per completare il quadro.

Clicca qui per visualizzare la mappa

Lascia il tuo commento

I commenti degli utenti