7 trucchi alternativi per usare la sfoglia pronta

28 settembre 2016

La pasta sfoglia è una delle basi della nostra cucina e prepararla ad arte costituisce un vanto di tanti aspiranti cuochi o volenterosi padroni di casa che amano coccolare gli amici a tavola. la buona cucina è anche questione di saper trovare alternative veloci a cui applicare un tocco personale Burro, farina, acqua e sale, sono gli ingredienti base necessari per prepararla, serve poi una buona mano per impastare e un buon lavoro di mattarello, nonché tempo necessario per far riposare il composto, rilavorarlo e ristenderlo. La buona cucina, però, è anche questione di saper trovare delle alternative veloci a cui applicare un tocco personale o l’ingrediente insolito che fa la differenza nell’insieme dei sapori; se possiamo avvalerci della grande varietà di preparati pronti all’uso, con un occhio attento alle etichette o al brand, perché non farlo? In commercio, per fortuna, si trovano delle valide alternative, che ci avvantaggiano sulla base, per poter poi dare spazio alla fantasia per un risultato finale sfizioso. In che senso? La pasta sfoglia non si traduce soltanto in ottime torte salate e dolci ma può prestarsi a tante ricette dall’alone gourmet o dall’aspetto altrettanto rustico e genuino ma alternativo rispetto alle tradizionali cotture.

pasta sfoglia pronta

Nei banchi frigo si trovano svariati tipi di pasta sfoglia pronta, dalle più industriali a quelle preparate con ingredienti tracciati e certificati, per i salutisti incalliti o per chi vuole smaltire il girovita da vacanza. Un occhio quindi all’apporto di grassi, che in generale varia dal 20 al 25% del totale, in particolare a quelli saturi, agli oli che sono adoperati per la preparazione o agli ingredienti cosiddetti nascosti, come i dannosi grassi idrogenati. Una volta scelta la pasta sfoglia che più si addice al nostro gusto, via libera a cannoli dolci e salati, pizzette da mettere velocemente in forno per un aperitivo casalingo, o sfoglia farcita con frutta fresca, creme o marmellate per un dessert last minute. Ecco 7 trucchi alternativi per usare la pasta sfoglia pronta e risparmiare tempo e fatica.

  1. grissini sfogliaGrissini. Preparati con pasta sfoglia e arricchiti, a piacimento, con semi di papavero o sesamo da distribuire sulla superficie previa cottura, oppure con patè di olive all’interno o in versione zuccherosa con il miele. Preparare questa golosa ricetta è semplicissimo, basta tagliare la sfoglia in verticale per poi arrotolarla velocemente fino a creare la lunghezza desiderata. Un’ottima soluzione per arricchire il cestino del pane.
  2. pasta sfoglia e coppa pastaCrostoni di sfoglia. Con l’aiuto di un coppapasta, create tante circonferenze di sfoglia da cuocere e accompagnare a zuppe di legumi, pesce, cereali o per guarnire semplicissimi minestroni. Un bel modo per rendere croccante un piatto di minestra, mix ideale per le prime serate al fresco.
  3. sfoglia sbriciolataSfoglia sbriciolata. Ideale per le minestre, per le creme o per le mousse dolci, la sfoglia cotta e sbriciolata grossolanamente sopra a un piatto aiuta a creare un contrasto croccante laddove la morbidezza o la cremosità della ricetta base può annoiare. Un’ottima alternativa al pane, specie se si ama il retrogusto tendente al dolce.
  4. millefoglie salataMillefoglie o lasagna. Per una lasagna controcorrente o una millefoglie facilissima da mettere in tavola, basterà ricavare rettangoli regolari di sfoglia e usarli a strati, alternati al sugo o alla crema che più aggrada. Unico consiglio, occhio alla consistenza più leggera, da non appesantire onde evitare un crollo strutturale.
  5. caramelle di sfogliaCaramelle. Vagamente anni ‘80, ma dal fascino intramontabile, le caramelle di sfoglia, specie se ripiene di salmone o formaggio, rendono divertente e piacevole l’antipasto di  grandi e bambini. La procedura è semplice: basterà, una volta inserito il ripieno desiderato tra due sfoglie, arricciare le estremità come a simulare un nodo. Unica regola, farne il più possibile perché una volta cotte e croccanti, andranno a ruba.
  6. fagottini di sfoglia frittiFagottini fritti. Sulla scia delle caramelle, con una variante nella cottura. La forma dipenderà dal gusto personale, idem il ripieno, visto che il sapore della sfoglia è piuttosto trasversale si può variare da una ricotta delicata a un formaggio dal gusto piccante, dal prosciutto cotto alle verdure spadellate con le spezie preferite. La frittura non è certo light, ma il risultato è garantito.
  7. rustico lecceseRustici leccesi. Infine uno spunto d’ispirazione pugliese. Sempre di sfoglia ripiena si tratta, questa volta con besciamella, pomodoro e mozzarella adagiati su due circonferenze di sfoglia, come a formare un grande raviolo tondeggiante. Per un risultato perfetto, spennellare con un uovo sbattuto la superficie e infornare.

Lascia il tuo commento

I commenti degli utenti