6 cose da fare assolutamente a Le Strade della Mozzarella a Roma

30 settembre 2016

Dopo Parigi, New York, Milano e Paestum Le Strade Della Mozzarella raggiunge il Baglioni Hotel Regina di Roma, in via Veneto, il 10 e 11 ottobre. un evento che fa leva sui sapori atavici della gastronomia campana L’obiettivo? Stupire e deliziare con la forza della semplicità, facendo leva sui sapori atavici e sempre ben accetti dell’hinterland gastronomico campano: mozzarella di bufala, pasta di Gragnano, pomodori campani, olio extravergine d’oliva e l’immancabile pizza napoletana, in quest’occasione nella golosa tipologia fritta. LSDM 2016, nel tentativo di indagare le potenzialità dei prodotti dell’agroalimentare italiano di qualità affidandoli alle mani dei grandi chef, mette in atto un congresso internazionale di cucina d’autore basato sulla fiducia e sul rispetto dei contenuti culturali e proponendo appuntamenti che luccicano come piccoli gioielli tra le trame di questa nona edizione, in cui la cucina di Materia la fa da padrona. Ma quali sono le 6 cose da non perdere a LSDM 2016 a Roma?

  1. salvatore tassaProvare la cucina d’autore. La prima giornata inizia in grande stile, e se volete godere pienamente dei piaceri della tavola e rubare con gli occhi il segreto dei grandi chef, il primo appuntamento da appuntare sul calendario è quello del 10 ottobre. Alle 12.30 si esibirà lo chef/cuciniere Salvatore Tassa (in foto) del ristorante Colline Ciociare (Acuto), moderato da Guido Barendson. Ispirandosi alla tradizione gastronomica ciociara, il cuciniere di campagna ama ribaltare le gerarchie della dispensa, dando vita a quella che lui definisce “cucina vegetale”. A seguire alle 13.30 lo chef pescatore per eccellenza, Luciano Zazzeri de La Pineta, Marina di Bibbona, moderato da Eleonora Cozzella. Come è noto ai più la cucina di Zazzeri è fatta di elementi semplici, dosati con suprema maestria e capaci di scandagliare tutte le sfaccettature più recondite del palato. Alle 16.30 del 10 ottobre si esibisce Peppe Guida, chef dell’Antica Osteria Nonna Rosa di Vico Equense. Moderato da Lorenzo Sandano, lo chef metterà in mostra uno dei suoi piatti che come sempre, partendo dalla tradizione, spingeranno gli ospiti verso le più fervide mete della fantasia gustativa. Chiude il cerchio della prima giornata, alle 17.10, la mitica Cristina Bowerman del Glass di Roma, moderata da Luciano Pignataro.
  2. PIcciniAssistere al cooking show di Valeria Piccini. Si, è vero, forse siamo un po’ di parte. La chef del ristorante Da Caino sito a Montemerano si esibirà alle 14.30 moderata dalla nostra Lorenza Fumelli.
  3. spaghettini al limone 9Parlare della rivoluzione della pasta. È uno dei piatti più amati del mondo, nonché simbolo della nostra cucina. La pasta è protagonista anche a LSDM 2016, che nella prima giornata inserisce l’appuntamento (alle 15.30) con Pasta Revolution, la pasta conquista l’alta cucina – edito da Giunti e scritto da Eleonora Cozzella. Moderano Luciano Pignataro e Peppe Guida.  Nella giornata dell’11 ottobre, la pasta sarà ancora protagonista con Errico Recanati, Marcello e Mattia Spadone e Michelina Fischetti.
  4. don1Glorificare il fritto. Un salto nell’olio bollente e tutto prende gusto; così non poteva mancare la parentesi dedicata ai fritti, tanto più se la stessa pizza è proposta in questa versione. A tal proposito sarà ospite dell’evento (alle 13.00 dell’11 ottobre) Alfonso Maffeo, patron del Don Vera Pizza Fritta Napoletana di Roma, moderato da Sara Bonamini; mentre alle 17.00 è la volta dei fritti di Pasquale e Gaetano Torrente (Al Convento, Cetara) moderati da Massimiliano Tonelli.
  5. Pizza alla napoletanaNon dimenticarsi della cara e vecchia pizza. Oltre alla già citata pizza fritta, magari da addentare, LSDM ci regalerà nozioni teoriche sul disco lievitato più amato dle mondo con la presentazione del libro La Buona Pizza. Storie di ingredienti, territori e pizzaioli – edito da Giunti e scritto da Tania Mauri e Luciana Squadrilli con fotografie di Alessandra Farinelli. A moderare la presentazione (che si terrà l’11 ottobre alle 12.00) saranno Luigi Cremona e Stefano Callegari.
  6. strade 2Partecipare a master class e degustazioni. Altre buone ragioni per partecipare a LSDM sono la master class dedicata alla mozzarella di bufala e condotta da Maria Sarnataro e le degustazioni di prodotti forniti dalle aziende che appoggiano il progetto, tra cui Barlotti (mozzarella di bufala campana DOP), Il Casolare, La Tramontina, Mail-La Favorita, Mandara, Prati del Volturno.

Lascia il tuo commento

I commenti degli utenti