Il pomodoro datterino di Pachino diventa IGP

6 novembre 2016

Sarà presto ufficiale: il pomodoro datterino di Pachino si appresta a essere battezzato prodotto a marchio IGP. È del 2 novembre, infatti, la notizia che la famiglia del pomodoro di Pachino (che comprende al suo interno il Ciliegino, il Costoluto e il Tondo liscio) includerà presto la varietà del Datterino Pachino, comunemente conosciuto con il nome di datterino. dopo il ciliegino, anche il pomodoro datterino di pachino diventa igp Lunga la procedura di accertamento che ha visto protagonisti la Regione Sicilia, il Ministero delle Politiche Agricole e Alimentari e infine la Commissione Europea, la quale, verificata la correttezza dell’iter amministrativo seguito, ha provveduto alla pubblicazione nella GUCE della domanda di modifica in cui sono state introdotte le due nuove tipologie di pomodoro Datterino: il Plum (datterino) e il Mini Plum (un datterino simile a un mini San Marzano).

datterino-igp

Superata la scadenza dei 90 giorni dalla pubblicazione, periodo utile ai paesi membri per produrre opposizioni e in assenza di quest’ultime, è attesa a momenti l’emissione da parte della Commissione Europea del decreto definitivo che sancirà la certificazione del prodotto Datterinno con il marchio di Identificazione Geografica Protetta.

datterino-grappolo

Questa misura permetterà di valorizzare il prodotto rispetto a quelli di altra provenienza. Per la produzione rappresenterà un valore aggiunto che contribuirà ad aumentare il reddito di chi lo produce“: queste le parole del Presidente del Consorzio Sebastiano Fortunato che, entusiasta del risultato ottenuto, dopo il lungo e accurato lavoro del suo team si dice convinto che la novità possa avere positivi riscontri economici che porteranno all’aumento del prezzo di vendita del 20/25 % con conseguenti aumenti in termini di redditività e marginalità del prodotto. Quindi, come afferma l’agronomo Salvatore Francavilla, ciò potrebbe essere un valido strumento a disposizione degli agricoltori per combattere la crisi e dare una marcia in più alle produzioni della regione Sicilia.

Lascia il tuo commento

I commenti degli utenti