Sicilia a 360°: il 21 e 21 novembre la festa delle Soste di Ulisse

18 novembre 2016

I requisiti per un happening da non perdere ci sono tutti: i fuoriclasse dell’alta cucina, dell’hotellerie di lusso e del mondo del vino siciliani, un'associazione che comprende ristoranti, cantine e hotel di lusso, sparsi in tutta la sicilia tutti appartenenti all’associazione Le Soste di Ulisse. Vi ricordate? Ne abbiamo parlato recentemente, in occasione dell’iniziativa presa per ricostruire i paesi colpiti dal terremoto. Tanti big sotto i riflettori tra cui Massimo Bottura, Davide Scabin e i fratelli Cerea. Un’ambientazione da sogno, liberty, che riflette la bellezza del golfo di Palermo e l’epoca d’oro dei Florio.

Il 20 e il 21 novembre l’appuntamento al Grand Hotel Villa Igiea è con la Sicilia a 360 gradi nelle sue più ricche sfaccettature, artistiche, culturali e gustative: tutti gli chef presenti racconteranno l’unicità dell’isola con le loro iterpretazioni culinarie. “La festa delle Soste di Ulisse sarà il luogo in cui potremo esprimere al meglio, coinvolgendo le più autorevoli testate giornalistiche e i migliori chef nazionali ed europei, le prospettive della cultura siciliana che nell’enogastronomia, nell’accoglienza e nell’ospitalità raggiunge livelli di eccellenza, per tradizione. Vogliamo ricordare a tutti la straordinarietà della Sicilia: possiede veri e propri giacimenti di arte, natura e cultura senza eguali al mondo”.

Lo chef Ciccio Sultano

Ciccio Sultano

Queste le parole dello chef Ciccio Sultano, presidente dell’associazione Le Soste di Ulisse e due stelle Michelin nel suo ristorante Duomo a Ragusa. Ricco il programma della due giorni: tra i momenti clou il grand tasting, l’evento che vede protagoniste le 20 cantine associate, le migliori firme dell’enologia del luogo, il cibo di strada palermitano e siciliano in generale. Il tutto celebrato in una performance sensoriale tra assaggi e racconti, show cooking da seguire anche in diretta streaming, momenti di confronto su importanti temi enogastronomici, la cena di gala e la pizza d’autore a mezzanotte, per chiudere nel migliore dei modi.

arancini-1jpg

Questo evento rappresenta una grande occasione per Palermo, per tornare ad occupare il posto che merita e per essere immaginata come una grande città in cui è possibile organizzare eventi di questa portata, ha detto lo chef Tony Lo Coco de I Pupi di Bagheria. Una vetrina per dimostrare quanto la Sicilia, della ristorazione e dell’hotellerie, sia cresciuta, negli ultimi anni, in maniera significativa. Lo ribadisce Pino Cuttaia, chef due stelle Michelin de La Madia di Licata nonchè Vice Presidente de Le Soste di Ulisse: “Il fatto che il nostro evento sia diventato così importante, grazie alla presenza dei più autorevoli protagonisti della scena enograstronomica, è la migliore testimonianza del ruolo che ci viene riconosciuto a livello nazionale”. Ci sembra davvero un’ottima occasione per visitare la terra degli agrumi, non credete?

Lascia il tuo commento

I commenti degli utenti