Napoli: ecco com’è 50 Panino di Ciro Salvo

8 febbraio 2017

Febbraio è il mese fortunato per Ciro Salvo. Così come avvenne per l’apertura di 50 Kalò a piazza Sannazaro 3 anni fa, anche per 50 Panino di Ciro Salvo è stato scelto lo stesso mese per aprire i battenti della sua prima hamburgeria. ci sono voluti 3 anni di ricerca, soprattutto sulle materie prime, per aprire l'hamburgeria Scaramanzia a parte, un nuovo progetto ha preso vita insieme al socio Alessandro Guglielmini in un locale situato in viale Gramsci 15/c, a pochi passi dalla pizzeria, così da poter tenere tutto sotto controllo. Si tratta di un hamburgeria in cui ogni singolo ingrediente, a partire dal panino, è stato scelto ad hoc. Ci sono voluti ben 3 anni di studio, dove soprattutto Ciro Salvo, uno dei più grandi pizzaioli della città proveniente da una famiglia storica del mondo pizza, ha girato, si è informato, ha ricercato quelli che potessero essere gli elementi giusti per il suo nuovo locale, a cominciare dal pane.

50 panino

A tal proposito, insieme a Massimiliano Malafronte, maestro panificatore, ha messo a punto la ricetta che voleva: un bun realizzato con farina di tipo 1 del Molino Caputo, con l’inserimento di qualche cereale. Il panino risulta croccante ma al contempo morbido, non si sfalda, resta intero fino all’ultimo morso.

50 panino

Per quanto riguarda gli hamburger, invece, si è avvalso della grande esperienza nel campo di Roberto D’Andrea, macellaio di Io sono la Chianina, che già riforniva Ciro per la pizzeria. Quattro le tipologie di carni proposte, da filiera corta e certificata: hamburger di maiale nero casertano, di chianina, di agnello e di pollo biologico San Bartolomeo. Tra gli entrée troviamo i crocchè e le frittatine, gli stessi ormai noti della pizzeria 50 Kalò, ma anche ribs di maiale nero casertano con salsa barbecue, polpettine e tartare di chianina e carpaccio di manzo.

r17_1379-1-min

Naturalmente non mancano le patatine, ma qui c’è poco di convenzionale, sono tagliate a mano ed accompagnate solo con ingredienti di alta qualità. 11 i panini in carta, e saranno soddisfatti anche i vegani con il panino creato per loro, farcito con hamburger di melanzane, maionese di soia, insalata iceberg e pomodoro di Sorrento.

50 panino

Per chi non gradisse il bun, c’è lo sfilatino cafoncello o la carne al piatto, dove troviamo anche la costata e la tagliata di Prussiana. Vastissima e ben ricercata anche la proposta delle bevande: ben 50 etichette di birre artigianali in bottiglie da 33 cl e 50 cl e anche alla spina, vini in calice delle migliori selezioni. Insomma tutto lascia presagire che 50 panino di Ciro Salvo diventerà presto un luogo cult per i paninari della città, soprattutto se si parla di panini di un certo livello. I prezzi sono nella media delle hamburgerie serie, come nel caso di Gigione a Pomigliano D’Arco e Puok Burger Store di Egidio Cerrone. L’arredamento è in stile newyorchese, si è abbandonato in questo caso il legno scuro dei tipici pub irlandesi, per dare più luce e colore all’ambiente.

Lascia il tuo commento

I commenti degli utenti