Il cibo di Hayao Miyazaki diventa reale

1 aprile 2017

Se c’è un fil rouge che lega tutte le pellicole e i cartoni di Hayao Miyazaki è certamente un estremo senso di poesia, oltre all’immancabile fascino per la bellezza la difesa della natura. Ma c’è un altro elemento che unisce nell’universo Ghibli Ponyo a Lupin, Howl a Porco Rosso: sono tutti personaggi con un grande appetito. Se in Totoro infatti, ricorrono scatole bento di satsuki con alici e piselli, oltre alla pastrocchia, la pannocchia che Mei stringe al petto e che vuole donare alla madre, a Laputa, Castello del Cielo compare l’egg toast che Pazu offre a Sheeta, mentre Ponyo ha reso più conosciuto il ramen di maiale che sorbisce con Sosuke, perché “a Ponyo piace il prosciutto!”, Kiki ha preparato per noi uno sformato di aringhe e zucca e Porco Rosso ha gustato un salmone con besciamella, carote glassate e vino bianco.

miyazaki

Sono tantissimi anche i piatti che passano ne La città incantata, in cui i genitori di Chihiro si ingozzano fino letteralmente a diventare maiali, in cui alla corte di Yubaba Senza Volto è rifocillato fino a scoppiare, in cui Sen addenta un anman ripieno di anko, una focaccia con fagioli azuki, in cui la sorella buona di Yubaba, Zeniba, rincuora Chihiro (ormai diventata Sen) con una merenda a base di sponge cake degna di celebrare l’amicizia e l’amore.

miyazaki-2

Il cibo insomma è una fortissima parte dell’universo di Miyazaki, tanto che molti fan si sono spinti a ricreare alcuni di questi celebri piatti nella vita reale. Su Instagram l’hashtag originale si traduce con ghiblifood. Da allora, alcuni instagrammers come @en93kitchen e @01ghibli23 sono diventati dei veri specialisti, replicandoli fin nei più piccoli particolari.

I commenti degli utenti