Ecco l’ube, il tubero viola che sta conquistando le cucine

7 aprile 2017

Si chiama ube, arriva dai Paesi asiatici (Filippine in primis) ed è una patata dolce, con la buccia grigiastra e un generoso cuore viola. Molto diffusa negli Usa, è utilizzata soprattutto per la preparazione di torte, gelati, marmellate, biscotti. Il sapore è delicato, per certi versi fa pensare a quello di alcuni fiori ma anche alle castagne; il matrimonio perfetto è con il cocco e diversi dolci filippini lo testimoniano egregiamente. Il contenuto calorico è praticamente doppio rispetto alla comune patata a pasta bianca o gialla (142 calorie contro 77) e lo stesso dicasi per la percentuale di carboidrati: meglio saperle, certe cose.

ube

Però questo piccolo difetto, se così possiamo definirlo, di certo non arresta l’ascesa dell’ube. Perché è buona, certo, ma soprattutto perché con le sue cromie consente di dar forma a creazioni culinarie decisamente scenografiche. Da mangiare, anzi divorare con gli occhi. Pur essendo conosciuta anche in Europa, la patata viola fresca non risulta facilmente reperibile ed è piuttosto costosa; la situazione è diversa soltanto in Francia, poiché laggiù la coltivano senza grossi problemi. In ogni caso, anche per quanto riguarda l’Italia, questo limite si può superare varcando la soglia dei negozietti di alimentari specializzati appunto nella vendita di prodotti esotici: l’ube si trova sotto forma di polvere o farina, confezionata in bustine.

gelateria-etnica

Il gelato all’ube ha un futuro radioso. Non solo è protagonista dell’halo-halo, tipico dessert filippino a strati, realizzato anche con ghiaccio tritato e numerosi altri ingredienti fra cui fagioli rossi dolci, ceci caramellati, polpa di cocco e tapioca; è proposto in un crescente numero di gelateria e gli avventori apprezzano decisamente. Il gusto ube è fra i jolly della Gelateria Etnica a Milano, che si serve della materia prima e non della polvere, garantendo così un risultato degno di nota. Anche la gelateria Soban di Alessandria si è allineata a questo trend e il proprietario spiega che “è pure un modo per far qualcosa di diverso, divertirmi e dare sfogo alla mia creatività”. E a proposito di creatività, potete cominciare le vostre sperimentazioni impastando la torta da forno che vi riesce meglio e sostituendo metà della farina con altrettanta ube disidrata ed essiccata. Esempio: anziché mettere 200 grammi di farina, provate a mettere 100 grammi di farina e 100 di ube.

  • IMMAGINE
  • Chiara Patrizia De Francisci

Lascia il tuo commento

I commenti degli utenti