Le hand salad sono l’ennesima moda hipster?

13 aprile 2017

Lo storico food magazine americano Bon Appétit sta tentando di lanciare una nuova dining experience che potrebbe avere le carte in regole per conquistare anche gli hipster, se già non l’ha fatto: le hand salad. Tutto è cominciato con un tweet risalente a pochi giorni fa: “Si chiama hand salad – ha scritto la redazione di Bon Appétit – ma cerchiamo di non concentrarci su questo”. A seguire, la ricetta, definita l’ideale come antipasto. Il popolo del web s’aspettava qualcosa di sfizioso, anche un po’ elaborato, e invece la semplicità del piatto in questione ha spiazzato tutti. Si tratta di foglie di lattuga lavate, asciugate e immerse in una salsa (per certi versi anche banale) a base di yogurt e limone: tutto qua.

hand-salad-2

Nonostante l’invito a non focalizzarsi sul nome, l’ironia da parte degli internauti ha preso il sopravvento. L’insalata va mangiata con le mani, ha sottolineato qualcuno, come bestie fameliche che in mancanza di carne devono accontentarsi di un vegetale. Molti hanno alzato il tiro pubblicando scatti di cibi consumati, appunto, senza posate; c’è anche chi ha condiviso l’immagine di una fetta di pane immersa in un barattolo di burro di arachidi. Insomma, non tutti hanno colto l’essenza salutista di questa novità che aspira a diventare un trend food.

hand-salad-3

Nonostante le critiche, Bon Appétit va avanti per la sua strada. E nel frattempo scopriamo che non sono stati loro i primi a coniare il termine hand salad. Nel 2011, infatti, ha fatto la sua comparsa nell’Urban Dictionary con la seguente descrizione: “un’insalata che si prepara ponendo in una grande foglia di lattuga diversi elementi fra cui pezzi di pancetta, formaggio, pomodori e condimenti vari”. Già questa versione, a dire il vero, appare più interessante. L’idea delle foglie immerse soltanto in una salsa di yogurt e limone, invece, a primo impatto non è che risulti così seduttiva. Però mai dire mai: se gli hipster dicono sì, è fatta.  E, a parte loro, chi è a dieta può con grande serenità concedersi uno spuntino del genere: di certo il girovita ringrazierà. Almeno lui.

I commenti degli utenti