How to: come far crescere lo zenzero in casa

28 aprile 2017

Lo zenzero è un ingrediente di cui si sente spesso parlare: utilizzato nelle insalate, ma ancor più in infusi e tisane è un grande alleato per la nostra salute. per crescere ha bisogno di qualche accortezza ma richiede poco impegno e dedizione Ha infatti importanti proprietà antinfiammatorie e il suo consumo è particolarmente indicato in caso di mal di gola, raffreddore o primi sintomi influenzali. Sebbene spesso si pensi allo zenzero come pianta esotica, coltivata in Paesi lontani con climi differenti, non è in alcun modo difficile la coltivazione, anche casalinga di questo tubero. Più propriamente lo zenzero è un rizoma, che per crescere ha bisogno di qualche accortezza, ma richiede poco impegno e dedizione. Vediamo dunque i principali passaggi per coltivare lo zenzero in casa: siamo sicuri che, con un po’ di pazienza, vi regalerà grandi soddisfazioni.

  1. zenzero-da-piantare-minPer cominciare è bene procurarsi qualche rizoma di zenzero, preferibilmente biologico. Se si acquista quello comunemente venduto nei supermercati, è consigliabile lasciarlo a riposo una notte immerso in acqua, per far sì che perda eventuali sostanze antigerminative che possono essere state applicate. A questo punto bisogna tagliare i rizomi in parti più piccole, avendo cura che per ogni pezzetto creato ci siano almeno due gemme.
  2. Bisogna poi scegliere un contenitore adatto, un vaso di terracotta di grandi dimensioni è sicuramente la soluzione più adeguata, poiché consente un’ottimale traspirazione delle radici. Sul fondo del vaso è consigliabile mettere uno strato drenante di argilla espansa oppure ghiaino, questo perché lo zenzero teme molto il ristagno dell’acqua, per cui è importante che il terreno sia ben umido, ma mai eccessivamente impregnato.
  3. A questo punto si dovrà aggiungere uno strato di terriccio di circa 10-15 centimetri, prediligendo il terriccio con un buon grado di drenaggio e poi si dovrà completare la base con un sottile strato di terriccio fine, eventualmente arricchito con sabbia, sul quale dovranno essere inseriti i rizomi di zenzero.
  4. zenzero-piantatoPiantate i rizomi ben distanziati tra loro e ricoprite tutto con un altro strato di terriccio fine di circa 5 centimetri. Potrà essere aggiunta un’ulteriore quantità di terriccio, dopo qualche tempo, non appena i rizomi sbucheranno dalla terra. In questo modo si favorirà una crescita in altezza, quindi un conseguente aumento delle radici che costituiranno poi il prodotto finale.
  5. Un’ultima importante accortezza riguarda il mantenimento di una temperatura costante di circa 15-20 °C. Per questo, è consigliabile piantare lo zenzero nel mese di marzo – eventualmente coprendo il vaso per qualche tempo con pellicola trasparente – in modo che le temperature miti del periodo primaverile ed estivo ne favoriscano una buona crescita. I rizomi devono essere irrigati con regolarità, avendo cura che il terriccio si mantenga umido, ma mai troppo bagnati.
  6. succo di zenzeroIl raccolto può essere effettuato già dopo 5 o 6 mesi dalla messa in dimora, ma il momento migliore è all’incirca dopo 10 mesi, quando le foglie della pianta che si sarà sviluppata saranno quasi totalmente secche.

I commenti degli utenti