Gusti di gelato: i trend primavera/estate 2017

9 maggio 2017

Con l’arrivo dell’estate, è ora di fare il punto su ciò che troveremo nei pozzetti e nei banchi delle gelaterie italiane. Su Instagram sembra che ci sia un tipo di gelato, pronto a dominare l’estate 2017. Si tratta del gelato nero creato da Little Damage, gelateria di Los Angeles, creato con mandorle e carbone vegetale. Ma cosa troveremo nei banchi e nei pozzetti delle gelaterie italiane? Lo abbiamo chiesto a Renato Romano, autore del blog dedicato al gelato, Jo Pistacchio.

gelato al pistacchio

Iniziamo con il dire che la gelateria italiana basa i suoi incassi sui gusti classici“, spiega Romano, ricordando l’incredibile risultato riscontrato alla finale italiane del Gelato World Tour, in cui sono stati premiati ben 3 gelati al pistacchio. Per gusti classici intendiamo per lo più i monogusto: nocciola, fiordilatte, stracciatella, fragola e crema, “anche se quest’ultima è prodotta solo in alcune regioni d’Italia del Centro-Nord, come l’Emilia Romagna”. Se parliamo di varianti regionali, occhio alle variazioni sul tema per il gelato al caffè, amatissimo al Sud. Dal fronte del classicismo però sembra sorgere una tendenza che riguarda il cioccolato. “Soprattutto al Centro-Nord assistiamo all’avanzare del cioccolato tendente al sorbetto, molto richiesto dalle donne, che spesso sostituiscono il pasto con il gelato“.

gelato variegato

La chiave di volta per innovare anche il monogusto è la variegatura. “Da Nord a Sud si assiste a una diversa interpretazione di questa tecnica – sottolinea Romano – Ad esempio, al Sud è molto più intensa e visibile che al Nord, dove si punta più sul gusto puro“. Via libera dunque ai gusti nocciola variegata al cioccolato, o a quello fragola variegato alla menta. Tra i trend che già impegnano i gelatieri mediaticamente più famosi c’è il gelato gastronomico. “Di quei gusti, un gelatiere non ci campa, ma serve per farsi notare e proporre qualcosa di nuovo sul mercato“, spiega Romano. Per questo segmento di banco frigo i gelatieri sfruttano i formaggi a pasta molle o dura, a seconda dell’appartenenza geografica. Quindi, se al Sud assisteremo a un trionfo di ricotta di bufala, al Nord ecco spuntare gelati al gorgonzola, grana e aceto balsamico.

speciale gelato

Infine, proprio come succede all’estero, anche i gelatieri italiani si stanno cimentando con gusti innovativi. “Da qualche anno si sta sperimentando molto con le infusioni di fiori“, sottolinea Romano, citando i gelati gusto lavanda o alle rose mantecato con latte di bufala. Poi tra le derive più estreme non va dimenticato il gelato al tabacco o quello al Godmilk (latte alla curcuma). Infine, già visto in America e ora anche apprezzato da noi il gelato frozen, “che strizza l’occhio all’aperitivo. Li troviamo al gusto Spritz, Bellini e persino Moscow Mule“.

I commenti degli utenti