I consigli di Agrodolce: perché provare la pizza di Frontoni

9 maggio 2017

Per raccontare o recensire una pizzeria ci si affida normalmente ad una o più visite per assaggiare alcune proposte del menu, valutare il servizio e l’allestimento del locale. daniele frontoni, insieme al socio glauco vapeni, ha ideato il locale e il concept della nuova pizzeria Ma ci sono dei casi nei quali alcuni di questi fattori sono destinati a passare in secondo piano davanti ad altre dinamiche e sensazioni che un locale può regalare. Ed è questo il caso dell’Antica Pizzeria Frontoni in via Assisi a Roma, un cognome storico per quanto riguarda pizza e panificazione nella città di Roma, un brand frammentato in diverse insegne gestite dai vari rami della stessa famiglia. Per poter raccontare al meglio il locale di via Assisi bisogna per forza di cose introdurre la figura di Daniele Frontoni, creatore del locale insieme al socio Glauco Vapeni. Arrivare ad aprire una pizzeria non è stata una cosa così facile e scontata nonostante il cognome che Daniele si porta dietro, soprattutto quando si ha voglia di viaggiare e conoscere il mondo e si nasce con una personalità sfaccettata, poliedrica e piena di idee.

_ari1266-modifica-2-modifica-min

Abbiamo avuto il piacere di poter incrociare Daniele per farci raccontare la nascita del progetto e abbiamo lasciato la pizzeria con la consapevolezza che senza i suoi racconti non avremmo probabilmente recepito la vera anima del locale ed il viaggio appena iniziato con questa nuova attività.

_ari1196-min

La pizzeria ha aperto nel dicembre scorso insieme al Centro Culturale Quid all’interno di una vecchia fabbrica del quartiere Alberone, l’aspetto esterno non è quello di una pizzeria classica e forse  scoraggia un po’l’ingresso con alcune rampe di scale che possono far storcere il naso a possibili clienti. Quando però si arriva nella grande sala superiore che termina con il forno a legna ci si affaccia sulla terrazza si resta letteralmente a bocca aperta. Immaginate uno spazio enorme  grande quanto una piazza che si sta preparando alla stagione estiva per essere fruito da chiunque voglia rilassarsi all’aria aperta, mangiarsi una pizza o bere qualcosa senza nessun obbligo di consumazione.

_ari1222-min

L’estro del socio di Daniele esce fuori in tutta l’architettura del locale, un magnifico esempio di utilizzo di materiali di recupero tra tavoli, sedie , fioriere e gazebo in legno. La pizzeria occupa lo spazio superiore del caseggiato che ha al piano terra il centro culturale con la scuola di attività circensi, il bello è che tutte le diverse attività sono legate da un filo conduttore che partono dalle idee complementari di Daniele e Glauco. Il locale ha la stoffa di un format creato per essere esportato all’estero con gli stessi spazi e lo stesso stile bel riconoscibile dopo una prima visita. La pizzeria offre un menu ben progettato  e rigorosamente stagionale con una gran parte delle materie prime provenienti dall’azienda agricola familiare. Lo stile della pizza è quello romano in purezza, una pizza ben fatta con un disco leggero come  una sfoglia croccante, lievitazione corretta e ingredienti buoni.

_ari1227

Il rotolino di pizza sorprende per la struttura friabile a supportare le farciture interne, non stiamo parlando di un calzone ma un rotolo di impasto farcito e cotto in forno che rende il morso davvero interessante.

_ari1193

I fritti tradizionali sono molto piacevoli ma leggermente migliorabili nella frittura, gli gnocchi di pizza invece scivolano via uno dopo l’altro con grande piacere. Il menu offre alcuni vini e diverse birre alla spina per terminare con una carta dolci varia e piacevole.

_ari1198-min

Daniele ci racconta le idee future per utilizzare gli ampi spazi dell’ex fabbrica, idee che si legano alle coltivazione idroponiche per un approvvigionamento completo del locale grazie all’autoproduzione di frutta e verdura. La cosa che però colpisce di questo posto è che il cibo, anche se di qualità, comunque passa in secondo piano di fronte alla vastità del progetto nel suo insieme ed alla vivibilità dello spazio presente. Il nostro consiglio è quello di visitare e seguire i progressi di questa pizzeria che rappresenta un tipo di locale mai visto finora a Roma e magari ritornarci in estate per godervi la grande terrazza in totale relax.

I commenti degli utenti