Noi c’eravamo: la lezione di Obama sulla sostenibilità, a Milano

10 maggio 2017
di Arianna Contenti

Milano capitale mondiale del cibo: ad affermarlo è Barack Obama. L’ex Presidente degli Stati Uniti ha tenuto ieri 9 maggio l’atteso discorso a Seeds & Chips, the global food innovation summit. siamo stati al summit di seeds & chips ad ascoltare le parole di obama Per oltre un’ora ha parlato di sostenibilità, di sicurezza del cibo che consumiamo, di cambiamenti climatici e di quello che ognuno di noi può fare con scelte consapevoli ogni giorno. Il suo appello è per tutti, è indirizzato a chi quel cibo lo produce e a chi lo consuma. Ha raccontato di quanto sia ancora forte il suo impegno per rendere questo pianeta un mondo migliore con una semplicità disarmante. Ha speso parole per la sua famiglia – facendo notare come un’alimentazione corretta abbia risolto problemi di allergie di una delle figlie – e ha raccontato dell’impegno della moglie Michelle contro lo spreco del cibo, di suo padre nato in Kenya.

obama

Obama ha affermato che i cambiamenti climatici non possono essere arrestati e saranno responsabili negli anni futuri di produzioni alimentari sempre più difficili. Le nostre scelte possono rallentare questi effetti. Le conseguenze saranno tensioni sempre più forti in Paesi a rischio di carestie e fenomeni come l’attuale immigrazione solo l’inizio. È la ricerca, le nuove tecnologie, la creatività degli scienziati, sostenuti da investimenti pubblici e privati, che deve trovare la strada per un alimentazione sostenibile. Ad ascoltare le parole di Obama c’erano inoltre molti chef impegnati nel sociale e sensibili ai temi dell’ambiente: fra questi Massimo Bottura, Carlo Cracco e Davide Oldani.

obama

Intervistato dallo chef Sam Kass, nominato durante il suo mandato consigliere per le politiche alimentari, Obama spiega di non essere contrario alla scienza impiegata nella produzione e nelle innovazioni nell’agroalimentare, poiché il cibo non è lo stesso di mille anni fa: le tecnologie non fanno altro che anticipare queste trasformazioni. Noi, con Obama, lo speriamo veramente, come speriamo in un futuro in cui il cibo di qualità, sicuro e sostenibile sia accessibile a tutti.

I commenti degli utenti