#stopfakeatavola: nuova campagna contro le bufale alimentari più virali

10 maggio 2017

Scordatevi l’ananas che fa dimagrire o le banane ricche di potassio: Coldiretti mette in guardia dalle dieci bufale alimentari più virali in rete con la campagna #stopfakeatavola presentata insieme all’Osservatorio sulla criminalità nell’agricoltura e sul sistema agroalimentare. Una campagna che mira a sottolineare come tre italiani su quattro siano preoccupati dall’impatto che gli alimenti possono avere sulla loro salute anche a causa delle informazioni sbagliate diffuse in rete. “Ad essere colpiti nei siti web e sui social – ha spiegato Roberto Moncalvo, presidente di Coldiretti – sono praticamente tutti i prodotti che finiscono nel carrello, con accuse a sproposito o al contrario con l’attribuzione di proprietà salutistiche e nutrizionali non verificate”.

ananas

Così, bando alle proprietà dimagranti della bromelina contenuta nell’ananas o allo zucchero di canna che non farebbe ingrassare, al kamut spacciato per un antico cereale con proprietà esclusive, alla carne e al latte che mangiati spesso farebbero male, al divieto per gli intolleranti al lattosio di mangiare formaggi o ancor peggio alla necessità di eliminare totalmente i grassi dalla propria dieta. Tra le fake news che circolano in rete anche informazioni relative alla produzione. “È falso – ha spiegato ancora Moncalvo – dire che tutti i prodotti alimentari realizzati nell’Unione Europea rispettano le stesse regole o che i prodotti venduti dal contadino sono meno controllati”.

I commenti degli utenti