A Napoli arriva la pizza fritta senza glutine o ripiena di gelato

15 maggio 2017

Il mondo della pizza si evolve e non solo quello che riguarda la pizza al forno. Anche la pizza fritta propone le sue varianti e le sue novità e ce lo dimostra La Masardona, la pizzeria di Napoli della famiglia Piccirillo che nel giro di un mese ha presentato due novità importanti: alla masardona di napoli sono arrivate due grandi novità: la pizza fritta senza glutine o con ripieno di gelato la prima pizza fritta senza glutine e la pizza fritta con gelato, da non confondere con il gelato fritto cinese, realizzata in collaborazione con la gelateria Casa Infante. Fino a ora nessun pizzaiolo aveva pensato di mettere in carta una pizza fritta senza glutine, dedicata ai celiaci. Dopo 4 mesi di sperimentazioni, finalmente Enzo e Cristiano Piccirillo sono riusciti a ottenere il risultato che volevano: una pizza che nel sapore non è affatto diversa da quella classica, che mantiene la stessa fragranza, che è croccante e rimane leggera.

pizza-fritta-senza-glutine-01

È farcita con gli stessi ingredienti del tipico battilocchio de La Masardona, cambia solo nella grandezza, perché il panetto è più piccolo. Il costo si mantiene basso, se si considera che si pagano 3.50 euro all’asporto e 4 euro al tavolo. Al momento è proposta solo il mercoledì a pranzo, quindi non vi resta che assaggiarla. Per chi volesse provare a farla a casa, questi sono è la ricetta de La Masardona per un impasto che avrà una lievitazione di circa 5 ore. Vi serviranno: 1 kg di farina senza glutine, 625 ml di acqua, 25 ml di olio extravergine di oliva, 30 g di sale, 10 g di lievito di birra.

pizza-fritta-con-gelato

L’altra novità è la pizza fritta con gelato di Casa Infante, una versione tutta partenopea che fa il verso al gelato fritto cinese. L’idea nasce da un profondo rapporto di amicizia che lega due famiglie storiche e importanti nel mondo della gastronomia napoletana: i pizzaioli sono riusciti a mantenere il contrasto tra il caldo e salato dell'involucro fritto e il dolce freddo del gelato all'interno i Piccirillo, famosi per la pizza fritta, e gli Infante, eredi del tarallificio e della pasticceria Leopoldo dal 1940. Marco Infante e Cristiano Piccirillo rappresentano la nuova generazione e dall’unione delle loro idee è nato il battilocchio con gelato. Una versione dolce della pizza fritta già esiste, come La Masardona e altre pizzerie ci hanno già insegnato: un esempio sono i battilocchi farciti con crema spalmabile alle nocciole o i famosi angioletti, straccetti di pizza fritta ricoperti sempre con creme spalmabili o cioccolato fuso e zucchero a velo. Ma il battilocchio con il gelato è un’idea nuova che sarà proposta soprattutto nel periodo estivo. È stato fatto uno studio approfondito per cercare di capire come mantenere, dopo la cottura, la consistenza del gelato integra all’interno della pizza, ma alla fine ci sono riusciti. La caratteristica che subito colpisce all’assaggio è il contrasto tra il caldo e il salato dell’involucro e il freddo e la dolcezza del gelato interno. Alla fine il battilocchio è spolverizzato con zucchero a velo: ovviamente prima si mangia e meglio è. I gusti gelato proposti sono: nocciola campana con cuore di Noccioinfante (crema spalmabile di Casa Infante) e cerealini croccanti ricoperti con cioccolato a latte, pistacchio puro siciliano con cuore di Pistacchiato (altra crema spalmabile al pistacchio) e cerealini croccanti ricoperti di cioccolato bianco, cioccolato con cuore di NoccioBiancolato (crema di nocciole e cioccolato bianco).

I commenti degli utenti