Vinòforum 2017: cosa mangeremo ai temporary restaurant

24 maggio 2017

Nello spazio del gusto di Vinòforum, dal 3 al 12 giugno a Roma, non ci sarà solo occasione per godere di buoni vini, ma anche per mangiare bene. Ben 40 temporary restaurant differenti, infatti, 40 temporary restaurant si alterneranno, cambiando ogni due giorni durante il festival si alterneranno ogni due giorni all’interno degli spazi dedicati al festival con le loro proposte food di altissima qualità. Saranno 8 i punti ristoro presenti per ogni serata e ci sarà soltanto l’imbarazzo della scelta: due le postazioni dedicate alla cucina fusion, una a quella di mare, una quasi del tutto a base carne, due punti tradizionali, soprattutto dedicati alle paste e due postazioni per la pizza, sia in versione classica che fritta. Ogni ristorante temporaneo proporrà tre diverse portate, con circa 120 ricette nei dieci giorni della manifestazione, da abbinare alle oltre 2500 etichette presenti.

delì

Si comincia il 3 giugno con Sapori dal mondo, che presenterà  ravioli al vapore con Pata negra e tartufo estivo, una selezione di sushi e sashimi e costine di maiale bbq con patate mash. Delì preparerà un hummus al lime con polpettine alla parmigiana fritte, spiedini di pollo satay con salsa di noccioline e carote glassate allo zenzero e le costolette di agnello in crosta di erbe con salsa di coriandolo su crema di fagioli, mentre La Masardona di Napoli presenterà tre portate: una classica, con cicoli, provola fresca affumicata, ricotta, pepe e basilico; una vegetariana, con provola fresca affumicata con scarole saltate in padella con uvetta, pinoli, olive nere di Gaeta e peperoncino; una primavera, con base di pizza fritta ricoperta di bocconcini di bufala, rucola e pomodorini conditi con olio evo e sale.

Arcangelo

Sempre il 3 giugno, primo giorno della manifestazione, La Taverna dei Corsari di Rieti propone: margherita con pomodoro pelato e nodini della Sabina, basilico, olio e sale; parmigiana di melanzane con mozzarella di bufala, pomodorini arrosto, melanzane, basilico, parmigiano reggiano, fichi prosciutto e ricotta di bufala. Mentre per la pasta ci sono Meraviglie in pasta di Zagarolo, con fettuccine con ragù bianco, cannelloni con pistacchi e pomodorini, ravioli con blu 61 e il tris classico dell’Arcangelo di Roma con cacio e pepe, carbonara e amatriciana. L‘Osteria 140 presenta invece gazpacho ai gamberi bianchi di Civitavecchia, un bignè salato, mantecato al baccalà, pepe nero e ginepro, calamari fritti con panatura di semola agli agrumi. Molto diversificate anche le offerte per tutti i giorni successivi: per scoprire cosa c’è nel menu basta consultare il sito e preparare il palato.

I commenti degli utenti