Sindrome sgombroide in Italia: primi casi in Puglia, Basilicata, Lazio e Veneto

8 giugno 2017

Anche in Italia si sono registrati i primi casi di sindrome sgombroide, causata dagli elevati livelli di istamina presenti in alcuni tranci tonno a pinne gialle importati dalla Spagna. Il Ministero della Salute ha diffuso un comunicato per annunciarne alcuni rilevati in Puglia, Basilicata, Lazio e Veneto. A causarli il tonno spagnolo commercializzato in confezioni da 2 kg e venduto dalla Ittica Zu Pietro srl.

shutterstock_423815113

Per ora i lotti interessati sono il numero 753180517 e 753200517 e riportano sulle confezioni come data di scadenza il 02/06/2017 e il 07/06/2017. Il problema riguarderebbe soltanto il tonno commercializzato fresco o decongelato. La sindrome sgombroide si manifesta comunemente con arrossamento della pelle, prurito, cefalea pulsante, bruciore orale, crampi addominali, nausea, diarrea, palpitazioni, senso di malessere e raramente ipertermia a breve distanza dal consumo del pesce.

I commenti degli utenti