Berberè a Roma, la pizza dei fratelli Aloe sbarca nella capitale

9 giugno 2017

Berberè sbarca anche a Roma (via Mantova, 5) per deliziare i palati dei romani che da un po’ di tempo hanno abbandonato il monoteismo della pizza bassa e croccante. Nello specifico i fratelli Aloe propongono una terza via della pizza: farine semi-integrali biologiche macinate a pietra, lievito madre vivo rinfrescato ogni giorno e una lenta fermentazione di 24 ore che, unita alla giusta lavorazione, rende gli impasti ben alveolati e leggeri.

matteo_e_salvatore_aloe2

Impasti, il plurale non è casuale, perché sono tre le varianti proposte dal locale: il classico descritto sopra, la versione con farine di cereali alternativi come l’Enkir o il grano Senatore Cappelli e infine quello realizzato con la tecnica dell’idrolisi: indiretto, con acqua calda e grano spezzato lasciato fermentare una notte senza aggiunta di lieviti.

dsc_5559

Il forno elettrico raggiunge i 300 °C, una temperatura costante e inferiore rispetto agli standard napoletani ma che serve a donare una consistenza più croccante alla pizza. Come negli altri locali Berberè, anche quello capitolino proporrà un menu stagionale: quindici pizze realizzate con ingredienti di qualità, in molti casi biologici ma soprattutto acquistati da piccole realtà attente al rispetto dell’ambiente e del lavoro.

pizza_zucca_francesca-sara-cauli_

Guai però a chiamarla pizza gourmet: è un’etichetta che i fratelli Aloe respingono con forza. Le pizze sono sì tagliate a spicchi per favorirne la condivisione e condite con fantasia e prodotti eccellenti, ma mantengono prezzi accessibili, partendo da 5.90 euro.

pizza_capperifrancesca-sara-cauli

Completano l’offerta gli antipasti, i dolci e una selezione di birre artigianali limitata ma ben studiata. Il locale è ampio e composto da diverse sale distribuite su due piani: atmosfera che richiama le fabbriche degli anni ’50 attraverso le luci e l’arredamento vintage. Anche le stampe e i murales si rifanno a quel periodo.

dsc_5483

Il sesto locale italiano di Salvatore e Matteo Aloe è a due passi da Porta Pia e dal Macro, in un’area di Roma a ridosso del centro e sempre più ricca di locali e ristoranti interessanti.

I commenti degli utenti