Le regole per mangiare al ristorante secondo Gordon Ramsay

30 giugno 2017

Portate fuori la vostra dolce metà in un nuovo ristorante e non sapete cosa aspettarvi? Per evitare una potenziale serata rovinata, prima di uscire date un’occhiata alle dritte che Gordon Ramsay ha spiegato a The Guardian. Osservando uno o più di questi suggerimenti, potreste dover ringraziare un giorno lo chef di Hell’s Kitchen.

  1. orologioMangiate fuori a pranzo, non a cena. È una regola utile da spendere soprattutto nei locali con menu fisso, specie se di buon livello. Al momento del conto, un buon pranzo verrà fuori a prezzi comunque convenienti. È un metodo infallibile per provare i piatti stellati senza costringersi ad abbinarci un vino costoso.
  2. snack leggeriSgranocchiate qualcosa, prima di uscire. Nessuno può giudicare bene un piatto se è troppo affamato. Mangiando qualcosa un’ora prima del pasto, eviterete di ingozzarvi di pane e grissini, per poi ritrovarvi già molto sazi prima di veder arrivare le portate principali.
  3. telefonoChiamate il locale, non prenotate online. Alzando la cornetta avrete più possibilità di prenotare, perfino quel tavolo così esclusivo sulla terrazza che aspettate da mesi. Se sarete anche po’ simpatici a chi prenderà la prenotazione, avrete già guadagnato qualche punto come commensali dell’anno. Magari aiuterà a ricevere un piccolo sconto sul totale.
  4. bagnoPer giudicare un locale, guardate bene i bagni. È una vecchia regola, ma sempre efficace: il livello di pulizia di un ristorante passa sempre, prima di tutto, dalle toilette. Se sono pulite, tanto vale rimanere. Se sembrano quelle di una stazione, meglio invece salutare.
  5. sommelierFidatevi di chi ne sa più di voi. Soprattutto se vi parla di vini. Per il sommelier è sempre una sfida avvincente trovare il vino giusto per il vostro piatto facendovi spendere meno di 45 euro.
  6. lamentelaLamentatevi. Subito. Se c’è qualcosa che non va, ditelo chiaramente, non aspettate di tornare a casa. Il ristoratore preferisce sapere subito se qualcosa va storto, sia nel caso di un problema logistico, sia nel caso di un intoppo momentaneo. Probabilmente, per rimediare, offrirà qualcosa, ma preferirà sempre questa soluzione al ritrovarsi, poche ore o qualche giorno dopo, una recensione al vetriolo su TripAdvisor o altrove.

I commenti degli utenti