Dove mangiare da soli a Roma senza sentirsi soli

26 luglio 2017

C’è un momento della giornata, dove perfino in una città frenetica come Roma, ci si riunisce coi propri cari o con gli amici. Dimenticando le ansie del lavoro e lo stress di spostamenti avventurosi, quello della cena rappresenta un importante rito sociale quotidiano. ogni tanto ci si può concedere il lusso di cenare fuori e prenotare per uno Ma non sempre è possibile celebrarlo: a volte potreste non disporre della giusta compagnia. Se proprio vi fa tristezza mangiare da soli davanti alla tv potrete sempre concedervi il lusso di andare a una cena fuori e prenotare per uno. Un tempo appannaggio quasi esclusivo di professionisti in trasferta, l’esperienza in solitaria al ristorante è sempre più sdoganata. A meno che non vogliate navigare nei vostri pensieri, o peggio col vostro smartphone, esistono locali particolarmente adatti agli avventori non accompagnati. Dunque, se avete intenzione di intraprendere la carriera solista, gastronomicamente parlando, appuntatevi questi indirizzi.

  1. retrobottegaRetrobottega (via della Stelletta, 4) è un posto innovativo, che avvicina Roma ad altre città europee dove la ristorazione di qualità in chiave pop è una realtà consolidata. È possibile accomodarsi al banco e intrattenervi con lo spettacolo di ciò che accade in cucina. Se volete invece godere a pieno dell’esperienza, chiedete di accomodarvi al tavolo sociale e ordinate un menu degustazione.
  2. mazzoA proposito di tavolo sociale, impossibile non citare Mazzo (via delle Rose, 54) a Centocelle, che ha adottato questa soluzione di condivisione e ottimizzazione degli spazi sin dall’apertura. Il rapporto qualità prezzo è buono e la chiacchiera con i commensali occasionali è gradita.
  3. akira ramen barPer gli amanti dei sapori più esotici, se si parla di cena solitaria, il pensiero vola subito ai sushi bar dotati di kaiten o a locali dedicati al ramen, dove appollaiarsi sugli sgabelli con vista sulla cucina. Se il viaggio da soli in Giappone vi spaventa, per gustare specialità nipponiche gomito a gomito con sconosciuti vi basterà arrivare a Ostiense. Akira Ramen Bar (via Ostiense 73/f oppure piazza Bologna 8) nello specifico propone iekei ramen: preparato con il tonkotsu (brodo di ossa di maiale) e futomen  (noodles un po’ più spessi).
  4. mama yaMama-Ya Ramen (via Ostiense, 166/a) invece punta tutto sull’artigianalità dei prodotti, sulla consulenza dello chef stellato Kotaro Noda e sulla bravura dello staff, in cucina e in sala. Il locale è minuscolo e ricalca i ramen-ya giapponesi autentici.
  5. Sushisen, RomaSe al sostanzioso e calorico ramen preferite il fresco e più leggero sushi, l’alternativa poco distante è Sushisen (via Giuseppe Giulietti, 21/a) dove potrete accomodarvi al kaiten e scegliere tra una miriade di proposte invitanti e particolari.
  6. taki 3Il nastro trasportatore è protagonista anche in una parte di Taki (via Marianna Dionigi, 56/60), ristorante giapponese di buon livello, situato a Prati.
  7. Open BaladinPer i tipi da pub, che amano posizionarsi rigorosamente al bancone, le opzioni sono tante ma le birre e gli hamburger dell’Open Baladin (via degli Specchi, 6), di carne de La Granda, con pane di Bonci sono capaci di colmare ogni assenza.
  8. pork'n'rollAltrettanto goduriosa è la proposta del Pork’n’Roll, nelle sue declinazioni: pub e shop (via Carlo Caneva, 15). Quest’ultimo è una via di mezzo tra una macelleria e un beer shop. Salumi e carni dell’azienda di famiglia e birre artigianali prodotte in birrifici di amici, sono serviti in un’atmosfera assolutamente conviviale.
  9. queen makedaSe per sentirvi meno soli avete sdoppiato il vostro io e le due anime non si mettono d’accordo su dove andare, il Queen Makeda (via di San Saba, 11) rappresenta un giusto compromesso. Qui la parte di voi che richiede una birra e l’altra che vuol mangiare senza limiti al nastro, potranno dialogare e ritrovare la giusta serenità all’ora dell’aperitivo.
  10. brylla_interno1Uno degli inconvenienti di presentarsi in enoteca da soli è dovuto al fatto che le disponibilità alla mescita di solito sono abbastanza limitate e non tutti reggono una bottiglia di vino. Per coloro che non vogliono privarsi della libertà di scegliere dall’intera carta, la soluzione ideale è Brylla (via Chiana, 77). Tutte le etichette sono disponibili anche solo per un assaggio, grazie al sistema Coravin, con cui si estrae il vino bucando il tappo di sughero con una sorta di siringa. Notevole anche la proposta gastronomica con le tapas che per dimensioni e varietà sono decisamente l’ideale per un avventore solitario.
  11. remigioAltro tempio per i seguaci di Bacco è il sempre valido Remigio (via Santa Maria Ausiliatrice, 15), che sa coccolare i propri clienti con un’eccellente selezione di vini e champagne da accompagnare, tra le varie cose, ad una delle tartare di manzo più buone della città. L’ambiente caldo e raccolto vi farà sentire davvero come a casa.
  12. sbanco22E per chi volesse la pizza? Nessun dubbio: Sbanco (via Siria, 1) in foto e Bir & Fud (via Benedetta, 23) rappresentano delle ottime opzioni. È possibile mangiare al bancone e l’offerta di birre artigianali è tra le migliori della città, per qualità e quantità. Alla seconda pinta la vostra propensione alla socializzazione subirà una brusca impennata.
  13. AromaticusPer chi vuol restare leggero senza rinunciare al gusto, c’è Aromaticus (via Urbana, 134): un locale ma soprattutto un negozietto di piante aromatiche a Rione Monti. L’offerta di cibo è interessante e genuina e il fatto di mangiare al tavolo sociale in mezzo ai profumi delle erbe aromatiche vi farà provare un bel senso di armonia.

I commenti degli utenti