L’irresistibile fascino della curcuma: da Starbucks ai dessert casalinghi

7 settembre 2017

Settembre è il mese in cui si cominciano nuovi lavori, nuove scuole e nuovi corsi, ma è anche il mese in cui le giornate che si accorciano e il rifugio delle caffetterie si fa più attraente: Starbucks ne ha approfittato per lanciare a Londra il suo nuovo Turmeric Latte, in italiano caffellatte alla curcuma, anche starbucks ha ceduto al fascino benefico della curcuma per la sua ultima bevanda proposto non solo con latte vaccino, ma anche con latte di mandorla o di cocco. Le luci dei tramonti anticipati e le prime foglie d’autunno sono in effetti lo scenario ideale per la nuova bevanda, dai colori caldi e attraenti della spezia indiana; il bianco del latte, il giallo della curcuma e il bruno del caffè sono caratteristiche perfette tanto per una bevanda saporita quanto per una foto da condividere su Instagram. Ma non è questo l’unico motivo per cui Starbucks ha deciso di utilizzare la curcuma. Negli ultimi anni se ne è parlato sempre di più: la curcuma, regina del curry e per niente piccante, ha moltissime proprietà salutari. Ha effetti antinfiammatori, antiossidanti, cicatrizzanti, secondo qualcuno (ma le prove scientifiche scarseggiano) persino antitumorali.

curcuma

Si tratta inoltre di un colorante naturale privo di controindicazioni e dalle tonalità incredibilmente invitanti. Difficile resistere a un riso o uno spezzatino arancioni di curcuma, tanto più quando se ne conoscono le proprietà benefiche. Così negli ultimi tempi la dorata spezia indiana ha lasciato i piatti della tradizione e si è infiltrata in ricette di ogni tipo: ecco i posti più bizzarri in cui incontrarla.

  1. latte alla curcumaNelle bevande. Può sembrare insolito a chi non la conosca bene, ma la curcuma è molto popolare come ingrediente per le bevande: Starbucks ha fatto propria una tendenza già molto in voga. Con la curcuma, intera o in polvere, si preparano tè, tisane, infusi e tonici, dalle tante proprietà salutari: provate a usarla insieme a zenzero, miele, timo e latte di mandorle per un infuso contro la tosse. Ma se vi piace solo il sapore, potete semplicemente aggiungerne un cucchiaino a un frullato alla frutta o al solito tè nero.
  2. pesci alla curcumaNei condimenti. È il modo tradizionale in cui è stata usata la curcuma: anche chi non ha mai sentito parlare di questa spezia conosce in genere il curry, di cui la curcuma è il principale ingrediente. Ma avreste mai pensato di poterla usare per condire le vongole? Basta mescolarla con un po’ di burro, pepe e buccia di lime grattugiata, e distribuire il condimento sopra le vongole cotte a vostro piacimento. In alternativa, per un piatto iper-salutare, usate la curcuma per colorare il riso al melograno: preparate un soffritto di cipolla, tostate il riso insieme alla curcuma, aggiungete acqua e cuocete per pochi minuti. Poi mescolate con i chicchi di melograno e preparatevi a una scorpacciata di vitamine e antiossidanti, per sentirvi incredibilmente giovani.
  3. marinata alla curcumaNelle marinate. Di solito si usano le erbe aromatiche – ma visto che ormai è così diffusa, perché non provare anche con la curcuma? Ovviamente si può utilizzare per il pollo, insieme a olio e limone; ma la curcuma viene usata anche per marinare le verdure, come le rape e i porri: il sapore risulta delicato, il colore dorato.
  4. torta alla curcumaNei dolci. Non solo cannella e zenzero: ormai nei dolci si utilizzano spezie di ogni tipo, curcuma compresa. Non vi stupirete quindi di trovarla nella torta di mele e di mandorle o nei cupcake all’arancia; ma potreste incontrarla persino nel sorbetto, magari in abbinamento con il melone, il limone o in solitaria: d’altronde per colore, sapore e proprietà salutari la curcuma da sola sembra essere più che sufficiente.

I commenti degli utenti