Taste of Roma 2017: i corsi da non perdere

7 settembre 2017

Taste of Roma, festival enogastronomico tra i più importanti in Italia, sta per compiere il sesto anno d’età. Dal 21 settembre, infatti, per 4 giornate, i giardini pensili dell’Auditorium Parco della Musica si animeranno non solo dei ristoranti e delle botteghe temporanee dei grandi chef e artigiani del panorama culinario romano, ma anche di veri e propri palcoscenici in cui sarà possibile sia assistere a cooking show sia partecipare a corsi di cucina dolce e salata.

  1. maurizio marroccoLounge: un salotto moderno affacciato su una cucina Electrolux dove il pubblico avrà l’opportunità di chiarire dubbi e ricevere consigli e istruzioni per l’uso corretto dell’infinta gamma di elettrodomestici messi a disposizione. A insegnare non saranno solo gli chef dell’Academy Electrolux, ma anche gli stessi chef protagonisti della manifestazione attraverso una serie di cooking show i cui soggetti saranno le loro ricette stellate.
  2. electrolux-lounge-tasteLa scuola di cucina: se nella Lounge il pubblico era un semplice spettatore, qui, all’interno della scuola metterà letteralmente le mani in pasta, preparando a specchio il piatto proposto dal docente in quel momento presente. Tra questi, Cristina Bowerman, Adriano Baldassarre, Massimo Viglietti, Lele Usai e Gigi Nastri. Nonostante i pochi minuti a disposizione, solo 30, gli allievi riusciranno a cucinare pietanze originali, da vero ristorante fine dining: nella prima lezione del sabato Fabio Ciervo svelerà i trucchi per una cacio e pepe dai sapori orientali con pepe del Madagascar e boccioli di rosa; mentre allo spegnersi delle luci del medesimo giorno, coloro che parteciperanno al corso di Paolo Dalicandro, docente di A tavola con lo Chef, sifoneranno la maionese, rendendola paradossalmente leggera. Il vantaggio è triplicato: cucinare a fianco di grandi artisti del gusto, imparare ad utilizzare macchinari all’avanguardia ed infine assaggiare la creazione prodotta.
  3. dario-nutiLa scuola di pasticceria. La cucina è istinto; la pasticceria è scienza. Solo dosaggi millimetrici, temperature precise ed elettrodomestici avanzati garantiscono la riuscita di un ottimo dolce d’alta cucina. In questo stand tutto questo è possibile: le grammature appartengono alle enciclopediche ricette dei migliori maestri pasticcieri, così come le impastatrici Assistent edi forni PlusSteam. Imparerete a sfornare sia pasticcini e biscotti da prima colazione, sia più articolati dessert al piatto. A inaugurare la sezione venerdì ci pensa Dario Nuti (in foto) dell’Imago all’hotel Hassler,  con il Cilindro al cioccolato, melone e caramello salato. I più fortunati, il sabato sera monteranno yogurt e cioccolato bianco assieme a Giuseppe Amato della Pergola. Nomi originali per dessert all’ultima moda con Gianluca Fiorino della Portineria che in due sessioni domenicali presenterà Fichissimo (crema al mascarpone, fichi e cake al limone) e Afrodite (cake al cioccolato, caramello salato, chantilly alla vaniglia).
  4. Arcangelo DandiniOltre a Lounge Electrolux, un altro spazio dove gustare creazioni e calici di vino faccia a faccia con i propri ideatori è In cucina con LopiGLIK: un parallelepipedo in cartongesso dove attorno a un grande tavolo con fornelli a induzione annessi, si discuteranno, in 24 appuntamenti, diverse tematiche riguardanti l’innovazione nel mondo del cibo e del vino. Ci saranno quindi wine tasting con Trimani  e Pasabahce e cooking show firmati LopiGLIK con grandi nomi della ristorazione romana. Fanno doppietta, in giornate diverse, Luciano Monosilio che preparerà gli storici Pollo, maionese e ostrica e Riso, guanciale, tea lapsang, limone candito e croste di Parmigiano e Arcangelo Dandini con l’ormai celebre Viaggio a Rocca Priora (uova, spezie e verdure solitamente in veste di insalata) e l’Insalata di frutta e storione marinato, ex protagonista di Anno Domini, antipasto proposto nella prima edizione di Taste. Imperdibile la lezione di Roy Cacers che ripropone il suo classico Spaghetto con polvere e profumo di mare, dove lo iodio più estremo è trasmesso dalla crema di ostriche e dalla polvere di cozze disidratate.

Tutti i corsi sono gratuiti ed è possibile prenotarli direttamente dal sito insieme al pagamento del biglietto di ingresso (16 euro).

I commenti degli utenti