ChiareScure a Milano: un festival per valorizzare la birra lombarda

20 settembre 2017

Con una media di almeno un festival di birra artigianale a settimana, soprattutto nei mesi di settembre e ottobre e a ridosso dell’estate, differenziare l’offerta e il concept dell’evento è diventato più che necessario. alla sua prima edizione, chiarescure è organizzato in 5 aree tematiche C’è chi punta su una location spettacolare e sulla tradizione, chi cerca di attirare un pubblico di esperti in cerca di novità e chi, invece, mette al primo posto le esigenze dei nuovi consumatori. ChiareScure, il festival di birra artigianale lombarda che si svolgerà dal 29 settembre al 1 ottobre a Milano alla Fabbrica Orobia 15 (via Orobia, 15), dichiara apertamente questo intento presentando le birre non per produttore ma per colore. Lo scopo è aiutare il consumatore a orientarsi tra 200 birre di 20 birrifici diversi e rendere la scelta ancora più immediata. L’offerta birraria di questo festival milanese alla sua prima edizione è, infatti, organizzata in 5 aree tematiche: 3 mettono l’accento sull’aspetto visivo della birra (Le Chiare, Le Ambrate, Le Scure) una sulla caratterizzazione principale (Il Luppolo) mentre l’ultima proposta tematica (Le Speciali) comprende tutte quelle birre difficili da definire in maniera univoca, come le acide, le barrel aged o quelle a base di frutta.

chiarescure-2

Al di là di questa suddivisione per colore, che potrebbe risultare troppo riduttiva anche a chi non è pratico del mondo craft, la vera novità di questo festival è la sua genesi. ChiareScure infatti è il primo festival voluto e organizzato da un piccolo gruppo di birrifici artigianali lombardi che, per l’occasione, si è riunito in un consorzio. L’obiettivo è manifesto: far conoscere la birra del territorio lombardo mettendo l’accento sull’indipendenza dai grandi marchi, dalle logiche della GDO e sulla qualità che dopo vent’anni – questa l’età del birrificio organizzatore più anziano – sono riusciti a raggiungere. I birrifici promotori e organizzatori dell’evento sono 5, Birrificio Italiano, Brewfist, Birrificio Rurale, Birrificio Lariano e The Wall Italian Craft Beer ma al loro fianco agli stand ne troverete altri provenienti esclusivamente dalla Lombardia: Birrificio Bidu, Doppio Malto, Extraomnes, Birrificio Geco, Hammer, Birrificio Hibu, Birrificio Lambrate, Birrificio La Ribalta, L’Orso Verde, Manerba Brewery, Birrificio Menaresta, Pico Brew, Railroad Brewing Co., Birrificio Valcavallina, Vetra.

chiarescure-3

Ovviamente la Lombardia birraria non si esaurisce in questi 20 nomi anche se, tra veterani e new entry, la selezione regionale ingolosisce. Valicano invece i confini regionali gli stand gastronomici. Tra i nomi già annunciati, troviamo la pizza del bolognese Ranzani13, ormai presente a molti eventi birrari, lo Sbanco di Callegari e i milanesissimi Hoppy Fish, Lambiczoon e 10gradinord. I laboratori non sono ancora stati annunciati, ma sappiamo già che saranno condotti da The Good Beer Society e totalmente gratuiti. L’ingresso è gratuito con l’obbligo di acquistare un bicchiere da degustazione a 5€. Le degustazioni (da 10 a 20cl) e il cibo si pagano con i gettoni del valore di 1,50€ cadauno. Il festival si svolgerà in questi orari: venerdì 29 settembre dalle 18 alle 2; sabato 30 settembre dalle 16 alle 2 e domenica 1 ottobre dalle 12 alle 23.

I commenti degli utenti