Dal Giappone: cos’è la cotton cheesecake?

4 ottobre 2017

La Japanese cheesecake o forse più nota con il nome di Cotton cheesecake è indubbiamente uno dei dolci che ha fatto più parlare di sé nell’ultimo anno. Di cosa si tratta esattamente? uno dei dessert che più ha stimolato la curiosità nel web negli ultimi tempi Forse una rivisitazione della classica preparazione newyorchese che tanto piace anche a noi italiani? Non esattamente. Basta digitare il nome di questa torta sul web per scoprire che la sua notorietà è per buona parte dovuta a un video nel quale una ragazza giapponese preparava questa torta utilizzando solo tre semplicissimi ingredienti: uova, cioccolato bianco e crema al formaggio. Niente biscotti, niente burro, niente zucchero: poco insomma che permetta di ricomprendere questa torta, a prima lettura, tra le varianti della assai più nota cheesecake americana. Un secondo nome – Cotton Cake – invece la descrive molto più propriamente.

japanese-cheesecake-1

Si tratta infatti di una torta dalla consistenza molto morbida e spumosa, per dirla in altri termini culinari: un riuscito incrocio tra una Angel Cake e un budino. Una base molto alta e un dolce che si presta a essere accompagnato con frutta fresca o confetture. È dunque vero che servono solo tre ingredienti per ottenere questo magico risultato? Non propriamente: questa è solo una versione, ma si sono diffuse nel tempo tante altre ricette più elaborate che aggiungono agli ingredienti di base lievito, panna o zucchero.

japanese-cheesecake-2

Quale tra queste variazioni sia in grado di esaltare al meglio questa preparazione è una questione di gusti, ma quello da cui difficilmente si prescinde nel giudicare il risultato finale è la consistenza: deve essere indiscutibilmente spumosa e sufficientemente soffice, un effetto ottenuto con una cottura molto controllata, a temperatura non elevata e senza mai aprire lo sportello del forno. Difficoltosa? A dire il vero no, è una ricetta facile, qualsiasi variante decidiate di sperimentare, ma che richiede tempi lenti, qualche accortezza e un po’ di pazienza. Migliore della classica cheesecake americana? A voi l’assaggio e il giudizio!

I commenti degli utenti