Chambers of the Curious: un viaggio nella mente sulle ali del gin

5 ottobre 2017

Una tigre imbalsamata nel bel mezzo di un salotto, banconi illuminati da candele e cimeli d’epoca sugli scaffali, atmosfera decadente in stile fin de siècle garantita da arredi vintage e abbigliamento dello staff, ottimi cocktail e performance sui generis pensate ad arte per risvegliare aree sopite del cervello e per sollecitare l’interazione tra gli ospiti che non si conoscono. Questo e molto altro – incluso un vero mentalista e qualche simpatica e stravagante trovata a effetto – vi aspetta nella Chambers of the Curious ideata da Hendrick’s Gin.

hendricksgin_doctor

Se è un dato di fatto che lo stress e la routine quotidiana soffochino il cervello umano limitandone le potenzialità in termini di creatività ed espressione e che l’alcool (se di buona qualità e nelle giuste dosi) sia un ottimo mezzo per ampliare le porte della percezione, perché limitarsi a una banale – per quanto sempre piacevole – serata al bar con gli amici? Dal 6 all’8 ottobre, per il secondo week end dopo il precedente, il marchio scozzese di gin porta a Roma l’intrigante mix tra il cocktail bar con formula temporary e il teatro immersive – formula molto in voga nel mondo anglosassone in cui gli spettatori invece di starsene seduti in poltrona seguono e interagiscono con gli attori – che garantisce a chi vi entra un’esperienza complessa e decisamente insolita, a base di drink creati per l’occasione e trattamenti coinvolgenti e divertenti guidati da un eccentrico Professore e dai suoi assistenti.

hendricksgin_stanza

Senza svelare troppo su quello che accade nelle diverse stanze ricavate negli spazi di Interni33, la centralissima location che ospita l’evento (in via delle Botteghe Oscure, 33), vi diciamo che l’idea punta sulla stimolazione di una parte inesplorata del cervello che porta il nome di Scissura di Rolando – solco della corteccia cerebrale su entrambi gli emisferi cerebrali che separa il lobo frontale da quello parietale – per capire più a fondo il funzionamento della propria mente divertendosi e bevendo bene. Muovendosi tra i due banconi all’Apothecary Bar e le varie stanze sulla base di una scheda con gli appuntamenti per i diversi trattamenti, ci si ritrova in situazioni interessanti e originali con appositi addetti o con macchinari che permettono di misurare il potere della propria mente.

hendricksgin_sedia2

Nella stanza dedicata al Voyage in the Mist, per esempio, un casco speciale avvolge il paziente nell’oscurità, mentre una voce rassicurante narra una storia a tema Gin con tanto di effetti speciali. In quella dedicata all’Ocular Cocktail Creator, attraverso il monitoraggio dei movimenti degli occhi il macchinario invita ogni ospite a selezionare un cocktail utilizzando il proprio subconscio, in base al tipo di personalità rilevato. A qualcuno potrà invece capitare di incontrare The Illusionist in carne ed ossa, un esperto mentalista che mostra i percorsi della mente – per noi inattesi, per lui senza segreti – lasciando i presenti a bocca aperta (se non si sta bevendo il drink). E così via, tra onde cerebrali in grado di far bollire l’acqua e dissezioni di cervelli umani in pan di Spagna e crema con assaggio finale.

hendricksgin_bottiglia

Ogni sessione è accompagnata dalla prescrizione di un cocktail pensato per facilitare e rendere più piacevole l’esperienza a cui si aggiungono quelli della drink list del bancone, naturalmente proposti anche a chi non abbia voglia di sottoporsi al trattamento: Potete acquistare sul sito dell'evento due i tipi di biglietti per accedere alle Chambers: il Ticket Apothecary Bar o il Ticket Experience dal classico Gin&Tonic con fetta di cetriolo all’efficace Brain Wash a base di Hendrick’s Gin, liquore Mûre sauvage, lime e Fever Tree Sicilian lemonade. Due i tipi di biglietti per accedere alle Chambers (acquistabili online sul sito dedicato o direttamente all’ingresso della location in base alla disponibilità, e in vendita rispettivamente a 10 e 23 euro): il Ticket Apothecary Bar, che consente di accedere solo all’area dell’Apothecary Bar, e il Ticket Experience che permette di vivere l’esperienza completa della Hendrick’s Chambers of The Curious.

I commenti degli utenti