Good Food: un cortometraggio contro l’obesità

14 ottobre 2017

L’ideatore della dieta Tisanoreica Gianluca Mech ha deciso di lanciarsi nel mondo della produzione cinematografica con un cortometraggio dedicato all’importanza di una corretta alimentazione e ai rischi legati all’obesità. Intitolato Good Food, il corto è realizzato in occasione del cinquantesimo anniversario della dieta mediterranea, che nel 2006 è stata proclamata dall’Unesco “patrimonio culturale immateriale dell’umanità”.

good-food-2

Imprenditore, fondatore dell’azienda erboristica Gianluca Mech SpA, Mech ha dato i natali al protocollo alimentare della tisanoreica, basato sull’attivazione della chetosi (l’uso dei grassi come fonte di energia al posto degli zuccheri) e nota come dieta dei vip, visto che è stato reso celebre oltreoceano da Katie Holmes e Britney Spears e in Italia da Silvio Berlusconi, Valeria Marini. Per il cast del suo primo prodotto, l’imprenditore ha scelto tra i nomi noti ed eccellenti della scena italiana: Salvatore Esposito, alias Genny Savastano della serie televisiva Gomorra, Giorgio Colangeli, già ne Il Divo di Sorrentino e Romanzo di una strage di Giordana, e Justine Mattera, showgirl, attrice e conduttrice televisiva.

good-food

Poco è svelato ancora della trama, si sa soltanto che la protagonista è Susan (Justine Mattera), una ricercatrice americana che lavora a un articolo per una rivista scientifica sulla storia di Ancel Keys, biologo e fisiologo statunitense che ha scoperto e certificato la salubrità della dieta mediterranea. Per incontrare lo studioso italiano Vanni Pieri, interpretato da Giorgio Colangeli, Susan si reca in un locale nel Cilento, quando entrano per un provino il giovane youtuber sovrappeso Ciro e suo zio Sasà Salvatore Esposito. Il resto è tutto da scoprire. Sceneggiato dallo spezzino Paolo Logli, il corto vede la regia di Dario Acocella, per una durata complessiva di 15 minuti.

I commenti degli utenti