Di stagione: frutta e verdura autunnale per stare in forma

1 novembre 2017

In autunno i piatti e le tavole cambiano colore aprendosi alle nuove tonalità della frutta e la verdura di questa stagione: zucca, radicchio, funghi, cavoli, uva, melagrana, mele, castagne, cachi sono questi i principali ingredienti di questo periodo. le verdure e la frutta tipiche della stagione autunnale sono ottime per rinforzare le difese immunitarie Le verdure tipiche della stagione autunnale sono ottime alleate per rinforzare le difese immunitarie e tenere lontani i malanni d stagione, inoltre essendo ricche di fibre aiutano il senso di sazietà e possono essere consumate anche in grandi quantità poiché povere di calorie. La frutta è ricca di vitamine e minerali, ma in questo caso bisogna fare attenzione alle quantità in particolare con uva, cachi e castagne, che sono ricche di zuccheri e il loro consumo dovrebbe essere pertanto limitato ad una piccola porzione 2-3 volte a settimana, soprattutto se si vuole intraprendere un percorso dimagrante con un regime ipocalorico controllato.

  1. uvaUva. Essendo, come accennato, molto zuccherina (contiene 15,6 g di zuccheri semplici ogni 100 g), si consiglia di non eccedere i 100 g a porzione. Per il suo contenuto energetico è ottima a colazione, da gustare con uno yogurt magro e un cucchiaio di avena. Contiene anche acido fosforico e silicio ed è per questo indicata come ricostituente del sistema nervoso per allontanare la tristezza stagionale.
  2. meleMela. È il frutto simbolo dell’autunno, ottima come snack per combattere la stanchezza, l’irritabilità e l’inappetenza. È un frutto povero di zuccheri e grassi e ricco di pectina, che contribuisce a tenere sotto controllo la glicemia ematica. Il maggior contenuto di pectina è nella buccia, scegliamo quindi delle mele biologiche da lavare bene e consumare con la buccia per ottenere il maggior beneficio. La mela può diventare anche un ottimo sostituto al dessert: se si ha voglia di dolce può anche essere consumata con una spolverizzata di cannella e 10-20 g di scaglie di cioccolato fondente.
  3. melagranaMelagrana. Utilizzata spesso come ornamento di tavole e composizioni, è un frutto affascinante con la sua buccia dura e i molti semini al suo interno; è ricco di potassio, fosforo e di vitamina A e C. I semi sono succosi e dolci al palato ma allo stesso tempo dal sapore leggermente acidulo. Può essere mangiata da sola, oppure utilizzata per guarnire insalate e macedonie, inoltre spremendola si riesce ad ottenere un ottimo succo dissetante.
  4. castagneCastagne. Le castagne riforniscono energia, remineralizzano l’organismo e contrastano la fatica. Hanno infatti un elevato apporto calorico (circa 200 kcal per 100 g di castagne arrostite), e possono essere per questo consumate come snack spezza fame e come ricarica energetica, soprattutto per gli sportivi. Andrebbe invece evitato il loro consumo a fine pasto. Sono una fonte di potassio, calcio, fosforo, ferro e vitamine del gruppo B. Contengono infine le fibre, utili per aiutare l’attività intestinale.
  5. diversi tipi di cavoliCavoli. I cavoli sono un toccasana per la salute: fonte importante di sostanze benefiche che aiutano il sistema immunitario a difendere il nostro organismo dalle malattie e dagli attacchi di germi e batteri; inoltre grazie all’azione congiunta di diverse sostanze sono vere e proprie guardie del corpo con proprietà antitumorali.
  6. piatti alla zuccaZucca. La zucca è una delle verdure di stagione più versatile: può essere utilizzata come contorno o per la preparazione di zuppe e di vellutate, oppure come ingrediente per dolci. È povera di calorie (solo 18 kcal per 100 g) ed è ricca di carotenoidi che si trasformano poi in vitamina A, indispensabile per la salute di pelle, occhi, ossa e denti; è ricca di potassio, inoltre, migliora il funzionamento degli scambi nervosi e del muscolo cardiaco.
  7. radicchioRadicchio. Ha importanti proprietà depurative e digestive: contiene sostanze amare che stimolano naturalmente i processi digestivi, e migliorano la funzionalità del fegato. Ottimo quindi per contrastare il riacutizzarsi di gastriti e dispepsie spesso correlate al cambio di stagione. Inoltre ha proprietà diuretiche dato l’apporto di acqua e potassio ed è un ottimo alleato di diete ipocaloriche.
  8. orzotto-ai-funghi-2Funghi. I funghi contribuiscono al buon funzionamento del sistema immunitario e sono un alimento per questo consigliato nel cambio di stagione tra estate e autunno, periodo in cui possono essere consumati anche freschi. Il loro apporto calorico non è elevato, ne esistono diverse varietà e il contenuto calorico si aggira attorno alle 25 kcal ogni 100 g di prodotto fresco. Contengono inoltre molta acqua, fino al 90% del proprio peso, ciò li rende un ingrediente ottimale per che è a dieta o vuole perdere peso. Sono inoltre una buona fonte di sali minerali come il potassio e il fosforo, di vitamine del gruppo B e di sostanze antiossidanti; sono utili nel contrastare le malattie cardiovascolari e per arginare accumuli di colesterolo nelle arterie.

I commenti degli utenti