Midori: il liquore giapponese che debuttò allo Studio 54

21 novembre 2017

Se qualcuno vi offre un cocktail dall’aspetto di una pozione magica non arricciate il naso: potrebbe essere a base di Midori. Si tratta di un liquore giapponese prodotto con il melone, di colore verde smeraldo (il suo nome infatti deriva da midoriiro, che significa proprio verde), dolce e fresco al palato e con una gradazione tra i 20 e i 21 gradi.

LA STORIA

midori

Il Midori è stato lanciato nel 1978 dall’azienda giapponese Suntory, che mise a punto una ricetta inedita per un alcolico da destinare soprattutto al mercato statunitense. Ma già nel 1971 un liquore molto simile, prodotto sempre dalla Suntory, aveva fatto faville a Tokyo ai campionati internazionali di cocktail organizzati dall’IBA (International Bartenders Association), che quell’anno furono vinti proprio dallo Universe, una creazione a base di vodka, succo d’ananas e liquore al melone. E 7 anni dopo il Midori, perfezionato, debuttò ufficialmente negli Stati Uniti, negli shaker dei barman della discoteca più famosa di New York, lo Studio 54. Da allora il successo è stato inarrestabile, sebbene fino al 1987 il liquore verde della Suntory sia stato prodotto esclusivamente in Giappone. Oggi è imbottigliato anche in Francia (in una versione leggermente più dolce), negli Stati Uniti e in Messico, e distribuito in più di 50 paesi del mondo, Australia compresa.

COME SI PRODUCE

melone yubari

Il Midori si produce con i meloni Yubari, una varietà estremamente rara e pregiata. I meloni Yubari, molto simili al nostrano arancione retato, quello di Cantalupo, sono tipici dell’omonima regione nipponica e sono noti per il loro sapore dolce e la forma perfettamente sferica. La polpa della frutta è fatta distillare attraverso un particolare processo che ne conserva la dolcezza fino alla fase dell’imbottigliamento, ma a parte questo possiamo dirvi poco altro: la ricetta esatta del Midori è super-segreta e la Suntory la tiene ben chiusa in cassaforte.

COME SI USA

midori-2

Di solito il Midori non si beve puro ma si mescola ad altri ingredienti (frutta, succhi freschi, superalcolici e anche altri liquori) per creare i drink più disparati. Il Midori è particolarmente amato per il suo sapore versatile e il bellissimo colore, e negli anni sono stati inventati numerosi cocktail che ne prevedono l’uso. Un esempio? Il famoso Japanese Slipper, creato nel 1984 a Melbourne da Jean-Paul Bourguignon, a base di Midori e succo di limone, molto apprezzato come digestivo. Ma il Midori è perfetto anche in creazioni più semplici, come nel gin tonic stile giapponese o nel Midori Margarita.

I commenti degli utenti