Pisa in 12 ore: i locali imperdibili

23 dicembre 2017

Pisa, antica Repubblica Marinara, famosa in tutto il mondo per la sua Torre Pendente, è ricca di storia e di monumenti, ma è anche una città dinamica e vivace, chiamata Regina degli Studi per le sue prestigiose università. una città dinamica e vivace dove si mangiano tanti piatti tradizionali Tra le principali attrazioni da vedere ci sono la piazza dei Miracoli con Torre, Duomo, Battistero e Camposanto Monumentale e la bellissima piazza dei Cavalieri con il Palazzo della Carovana che ospita la Scuola Normale di Pisa. È obbligatorio passeggiare sui Lungarni per vedere la città che si specchia nell’acqua e dove il 16 di giugno si tiene la suggestiva Luminara di San Ranieri, ma anche addentrarsi sotto i portici di Borgo Stretto – per i pisani Il Borgo – andare a vedere una mostra a Palazzo Blu o contemplare il murales Tuttomondo di Keith Haring. E tra una visita a un palazzo e la salita sulla Torre, la fame arriva presto: cosa si mangia di tipico a Pisa? In questo itinerario in 12 ore vi portiamo alla scoperta della zuppa di ranocchi, il bordatino alla pisana, le trenette alla renaiola con aringhe e cime di rapa, la minestra di fagioli bianchi di San Michele, il minestrone di cavolo, la testicciola alla pisana,  la torta co’ bischeri e la cecina.

  1. pasticceria-buselliColazione. Se amate il cappuccino, andate alla Pasticceria Buselli (via Cisanello, 145 in foto) dove troverete uno dei più buoni in città. Non sarà facile la scelta delle paste, visto che ce ne sono di molti tipi, esposte nella vetrina come gioielli. Vi consigliamo una fragrante sfoglia ripiena di crema oppure un bignè al pistacchio. La Pasticceria Frangioni (via San Francesco, 11) invece è rinomata per il suo millefoglie e per i deliziosi biscotti al burro.
  2. teste-e-lischePranzo. L’Osteria La Mescita (via Cavalca, 2) è uno dei posti dove mangiare la cucina tipica toscana e altre prelibatezze: da provare la pappa al pomodoro e il baccalà in padella con olive taggiasche e pomodorini confit. Se vi piace il pesce, spingetevi nella vicinissima Marina di Pisa e andate Da Gino (via Cursolari, 2): questo luogo è un’istituzione dove ci si siede a tavola per mangiare spaghetti alle vongole, gamberi lardellati con i fagioli e polentina ai frutti di mare. Un altro indirizzo da segnare sempre a Marina di Pisa è il Bagno Italia (via Litoranea, 10) dove provare gli spaghetti allo scoglione e la generosa frittura di mare. Cucina più ricercata da Teste e Lische (piazza Gorgona, 1 in foto), dove gustare gli gnocchi agli scampi, i ravioli del plìn in salsa di mare ripieni di gamberi e porri e la tagliata di tonno in crosta di frutta secca.
  3. de-coltelliMerenda. Montino (vicolo Monte, 1) è l’indirizzo giusto per mangiare la cecina – la torta di ceci – mentre per il gelato l’indirizzo da segnarvi è la gelateria De’ Coltelli, sul Lungarno Pacinotti al civico 23. Qui Gianfranco Coltelli manteca una ventina di gusti di gelato, come la gustosa liquirizia, il caffè, il gusto ai pinoli di San Rossore e quello agli amaretti di Santa Croce.
  4. ceccorivoltaAperitivo. Per bere un eccellente calice di vino andate da Ceccorivolta (piazza delle Vettovaglie, 4), luogo diventato un vero e proprio cult e da Enoteca Borgodivino (Borgo Stretto, 63) che vanta una selezione di oltre mille etichette dalla Toscana al Piemonte fino alla Borgogna.
  5. osteria-dei-cavalieriCena. Osteria dei Cavalieri (via San Frediano, 3 in foto), dentro un’antica casa-torre del 1200, è uno dei ristoranti più famosi della città dove provare lo stoccafisso alla pisana, le pappardelle al sugo di lepre e  i ravioli di pecorino con piattelle e pomodorini. La Pergoletta (via delle Belle Torri, 36) è un posto tranquillo e curato dove dovreste assaggiare i tagliolini alle triglie, i cavatelli con cozze, patate e provola e la vellutata di zucca con timo e porcini. Altrimenti spingetevi fino a Tirrenia, da Dante e Ivana (via del Tirreno, 207/c): questo accogliente ristorante con specialità di mare offre le triglie sfumate; se cercate qualcosa di più elaborato, non perdete il tonno arrostito al pepe verde.
  6. orzo-brunoDopocena. Una città vivissima dove pisani e studenti fuori sede amano ritrovarsi anche nel dopocena, tra i locali di piazza delle Vettovaglie e piazza della Berlina. L’Eleven Cafè in piazza della Pera è il primo Gin Bar di Pisa, che vanta anche un importante collezione di whisky, rum e vermouth. Il Sottobosco (piazza San Paolo all’Orto, 3) fa da libreria, caffè letterario e jazz club. Se siete appassionati di birre l’indirizzo giusto è l’Orzo Bruno (via delle Case Dipinte, 6/8). Per l’estate segnatevi in agenda di recarvi sui Lungarni, dove da giugno a settembre aprono Arno Vivo (Lungarno Bruno Buozzi) che fa da cocktail bar e hamburgeria e dove si tengono anche concerti e djset.

Clicca qui per visualizzare la mappa

I commenti degli utenti