Food trend: quali saranno le tendenze del 2018?

23 gennaio 2018

Il nuovo anno è appena iniziato e siamo tutti entusiasti e pieni di aspettative. Quali persone incontreremo? Dove andremo in vacanza? Ma soprattutto, che cosa mangeremo? Quali novità culinarie stanno arrivando e quali cibi e bevande sentiremo più parlare nei prossimi 12 mesi? Difficile rispondere con certezza a tutte queste domande, ma si possono fare alcune previsioni. Lo hanno fatto per esempio riviste e associazioni di settore, la catena Whole Foods, l’app TheFork e altri ancora. Siete curiosi di sapere che cosa vedremo nei nostri piatti in questo 2018? Ecco i food trend dei prossimi mesi.

  1. fiori eduliFigli dei fiori. Colorati, allegri, primaverili. Sembra che i fiori saranno sempre più presenti nei nostri piatti e nei nostri bicchieri sia come decorazione, sia come ingrediente di ricette innovative o ancora come snack. Preparatevi a un’invasione di rose, lavanda, ibisco, calendula, e chi più ne ha più ne metta.
  2. chips di zuccaPause croccanti. A proposito di piccoli piaceri per spezzare la fame, il 2018 sembra sia l’anno delle nuove sperimentazioni nel settore con largo uso di tecniche, come l’essicazione, che possono rendere anche delle semplici patatine qualcosa di unico e magari più sano.
  3. meno zuccheroMeno zucchero. L’attenzione alla salute è un tema che torna tra le tendenze del 2018. Sarà soprattutto lo zucchero a dare più preoccupazioni e a spingere le persone a cercare alternative come il sorgo o i datteri, per arrivare persino a dessert salati.
  4. tè matchaSuper food e super polveri. I cibi ricchissimi di proprietà, che solo a guardarli ti fanno campare 100 anni, saranno un must anche quest’anno. In particolare, l’attenzione sembra focalizzarsi sulle variante in polvere, più pratica da usare e da aggiungere a tante ricette come barrette di cioccolato, frullati, zuppe, ecc. Preparatevi quindi a vedere sempre più il tè giapponese matcha, il cacao o il maca (chiamato anche ginseng peruviano).
  5. funghiFunghi. Dopo le polveri, troviamo tra i food trend del 2018 i funghi, sempre più presenti dalle bevande in bottiglia ai saponi. Una riscoperta del sottobosco.
  6. redzepi foragingPassione per il locale. Tra gli ingredienti più amati dell’anno ci sono tutti quei prodotti coltivati vicino a noi. Per esempio i grani, selezionati in base all’origine di provenienza. Lo chef René Redzepi ha fatto scuola in questo senso e sempre più persone in tutto il mondo vogliono (ri)scoprire quello che offre la propria terra.
  7. street food marocchinoAttrazione per il Medioriente. Siamo alla ricerca della mela del contadino di fianco a casa, ma l’esotico è una tentazione fortissima. In questi anni siamo rimasti folgorati dal Giappone ma, secondo le previsioni, dal 2018 punteremo sempre più alla cucina e alle materie prime del Medioriente. Turchia, Libano, Marocco, Iran, Siria, Israele faranno quindi capolino sui nostri menu.
  8. street food filippinoCucina asiatica, dalle Filippine alla Corea. Secondo alcuni, invece, la tendenza culinaria si spinge ben oltre il Mediterraneo fino ad arrivare alle Filippine. C’è poi chi scommette sulla cucina del subcontinente indiano e chi ci avvisa di non dimenticare la tradizione culinaria della Corea. Comunque vada, avremo qualcosa di sfizioso da assaggiare.
  9. guardare etichettaTrasparenza. A proposito di provenienza, è confermata anche per il 2018 l’abitudine degli ultimi anni di controllare da dove vengono gli ingredienti che portiamo in tavola. Attenzione quindi ai territori, ai produttori ma anche ai metodi di produzione. Gli operatori del settore non potranno rimanere indifferenti a questa tendenza e cercheranno di dare sempre più informazioni dei loro prodotti.
  10. tacosTacos mania. Le varianti di queste tortillas piegate in due si sprecano. Non solo nel loro Paese d’origine, il Messico, dove sono tantissime, ma anche nel resto del mondo. E quest’anno molto probabilmente ne vedremo di nuove e sicuramente golosissime, persino nella versione dolce.
  11. bucce di patataNon si butta via niente. Il tema dell’ambiente è toccato sempre più in cucina e gli chef punteranno a usare ogni parte delle proprie materie prime. In questo modo si riducono gli scarti, l’impatto ambientale delle cucine e si cerca di lottare contro le disparità alimentari.
  12. Niko RomitoConsapevolezza. È una parola che ci porteremo dietro per tutto il 2018. La consapevolezza che le risorse naturali siano limitate, ma anche che gusto e salute debbano andare di pari passo per il nostro benessere. Un esempio di tutto questo, già nel 2017, è stato il progetto IN-Intelligenza Nutrizionale, un’iniziativa che ha coinvolto lo chef Niko Romito e che punta a rivoluzionare il concetto di mensa ospedaliera in termini di qualità e di efficienza.
  13. idroponicaTecnologia veg. L’alimentazione basata su alimenti vegetali è diffusissima in tutto il mondo, si sa. La novità di quest’anno è che la tecnologia e la tecnica sono sempre più interessate a questo mondo e sono pronte a sperimentare nuove frontiere.
  14. ristorante-del-futuroRistoranti del futuro. La tecnologia non è solo al servizio di nuove ricette ma anche di nuove soluzioni per la ristorazione. Si diffonderanno per esempio piattaforme intelligenti per offrire un servizio sempre più personalizzato ed efficiente.
  15. insettiInsetti. Se ne parla da tempo e con il regolamento europeo sul Novel Food (nuovi alimenti tra cui grilli, bachi da seta, locuste, ecc.) dal primo gennaio 2018 tutto questo è diventato realtà. Ecco che allora questo potrebbe essere l’anno del pandoro agli insetti o delle cavallette in pastella. Sarà una tendenza in crescita? Secondo un sondaggio di Coldiretti il 54% degli italiani è contrario a questi cibi considerati troppo esotici. Un’altra indagine di TheFork sembra confermare questa diffidenza. L’81% degli utenti che hanno partecipato alla ricerca ha risposto che nei ristoranti non sceglierebbe piatti a base di insetti.

I commenti degli utenti