Bietola: 5 modi per cucinarla

6 febbraio 2018

Ampie e lussureggianti foglie sovrapposte che richiamano la forma di un morbido ventaglio, una veste decisamente poco discreta che non passa di certo inosservata: le bietole, rispetto ai più timidi spinaci, spiccano tra i banchi dei mercati rionali e occupano con prepotenza spazio nelle buste della spesa. Dietro – o meglio dentro – a questo aspetto così vistoso e scenografico si nasconde un prezioso bottino di proprietà benefiche. la distinzione generale tra i tipi di bietola si divede in biete da costa e da foglia Ricche di acido folico, vitamine e sali minerali, le bietole rappresentano un’importante fonte a cui attingere se state seguendo un regime ipocalorico, o semplicemente, se volete depurare il vostro organismo da scorie e tossine in eccesso. Se siete intenzionati a rifornire la vostra dispense di questi ortaggi è bene capire quale tipologia si sta acquistando per poi cucinarla nel migliore dei modi. Di bietole ne esistono di tantissimi tipi, anche se generalmente la macro-distinzione è quella che le suddivide in biete da coste e da foglia. Queste ultime, inoltre, possono presentare nervature di colori diversi (verdi, rosse, bianche, gialle) dando vita a varietà altrettanto differenti in fatto di gusto e sapore: le bietole rosse per esempio, a differenza di quelle bianche, hanno un retrogusto meno amaro e risultano essere molto più dolci. In genere il loro sapore delicato e tendenzialmente dolciastro le rende molto versatili e perfette per essere cucinate in moltissimi modi: dalle minestre ai primi piatti a base di pasta fresca o di riso fino ad arrivare alle classiche bietole al pomodoro o ancora alle frittate di bietole. Ecco allora 5 modi facili e veloci per cucinare le vostre bietole e ottenere un risultato gustoso e al tempo stesso genuino.

  1. Bietole gratinateBietole gratinate. Dopo aver pulito accuratamente le vostre bietole e aver separato le foglie dalle coste, lessatele per circa 5 minuti in acqua bollente. Intanto imburrate una teglia da forno e procedete alternando le foglie delle verdure – precedentemente scolate e intiepidite – con uno strato abbondante di besciamella e una spolverizzata di formaggio fresco grattugiato. Proseguite fino a esaurimento degli ingredienti e completate con uno strato di bietole e qualche ciuffetto di burro. Infornate il tutto a 180 °C per circa 20 minuti azionando il grill alla massima potenza gli ultimi 2 minuti.
  2. bieta al vaporeBietole al vapore. Sicuramente uno dei modi più salutari per cucinare le vostre bietole, ma non per questo privo di gusto. Con questo tipo di cottura infatti le verdure conserveranno non solo tutte le loro proprietà nutrizionali, ma anche il loro sapore naturale. Basterà riempire una pentola con dell’acqua salata, adagiarvi sopra la vaporiera e versare unicamente le coste. Lasciate cuocere per circa 10 minuti, fino a che non inizieranno ad ammorbidirsi e unite anche le foglie: queste ultime cuoceranno in circa 5 minuti. A questo punto sollevate il cestello della vaporiera, scolate con cura le vostre bietole e conditele a crudo con un filo di olio extravergine d’oliva e del succo di limone.
  3. Bietole in padella. Una ricetta semplice, ma del tutto personalizzabile: potrete infatti aggiungere le spezie e gli aromi che più preferite. Iniziate scaldando dell’olio in una padella antiaderente e quando sarà ben caldo versate le coste tagliate in piccole parti. A metà cottura aggiungete anche le foglie e proseguite la cottura fino a che non avranno raggiunto la consistenza da voi desiderata. A questo punto, aggiustate di sale e di pepe e sbizzarritevi nel condimento aggiungendo olive nere, acciughe o pomodori.
  4. bietola-frittaBietole fritte. Un’idea originale per portare in tavola un antipasto sfizioso dall’aspetto scenografico: preparare le bietole fritte farà la gioia di grandi e di piccini. Per prima cosa pulite le verdure eliminando le parti più dure, tagliatele in modo da avere delle striscioline di circa 5 cm e sbollentate in acqua per circa 2 minuti. Scolatele e lasciatele raffreddare. Intanto preparate una pastella a base di uova, sale, pepe, parmigiano e un goccio di latte. Sbattete energicamente, tuffate le vostre bietole e passatele nel pangrattato: per un effetto ancora più gustoso e croccante potete ripetere l’operazione un’altra volta. A questo punto friggetele in olio bollente fino a che non inizieranno a dorarsi, scolatele dall’olio in eccesso e servitele subito.
  5. bieta in padellaBietole trifolate. Una versione leggermente più calorica della semplice cottura in padella che vi darà una grande soddisfazione: con pochi e semplici ingredienti riuscirete infatti a portare in tavola un contorno di verdure dal sapore prelibato e succulento. In una padella mettete sia dell’olio che del burro lasciandolo sciogliere completamente. Aggiungete uno spicchio d’aglio e una cipolla tritata finemente: fate soffriggere il tutto. Aggiungete le coste delle bietole e sfumate con del vino bianco. Proseguite la cottura per altri 10 minuti e aggiungete anche le foglie. Aggiustate di sale e di pepe, spegnete il fuoco e completate con del parmigiano grattugiato e qualche cucchiaio di pangrattato.

I commenti degli utenti