Bere vino: le migliori enoteche di Siena

12 marzo 2018

Se da recenti studi scientifici, pubblicati dalla rivista Scientific Reports, bere un paio di bicchieri di vino al giorno, non solo riduce il rischio di malattie cardiovascolari e tumori, ma può anche aiutare a ripulire la mente, aiutando il cervello a eliminare le tossine, siena e provincia possono vantare un buon numero di vini prestigiosi chi vive nelle Terre di Siena è ancora più facilitato nel compiere questo rituale, visto che Siena e provincia possono vantare un buon numero di vini prestigiosi. Così, mentre Sting tra un Message in a Bottle e un concerto, si concede di dipingere la piastrella all’ultima edizione di Benvenuto Brunello a Montalcino, nel Chianti, a San Gimignano e a Montepulciano, si raccontano grandi storie di vino, di vigne e di vita. Around Siena ci sono territori vitali e importanti per il vino, tanto da vantare denominazioni di spessore, tutte DOCG, come il Chianti Classico, il Chianti, Il Brunello di Montalcino, la Vernaccia di San Gimignano, e il Vino Nobile di Montepulciano e che vede sempre più apprezzare anche l’Orcia DOC e tanti Rossi di Montalcino fanno lo sgambetto al Brunello per come sono fatti bene. Così nell’attesa che l’Enoteca Italiana torni a vivere presto, vi portiamo alla scoperta delle enoteche senesi, dove trovare il meglio della produzione territoriale e non solo.

  1. emporio-mediterraneoEmporio Mediterraneo (Casato di Sotto, 11). “Eravamo quattro amici al bar, che volevano realizzare un sogno”: potremmo riassumere così la nascita di Emporio Mediterraneo, l’enoteca a pochi passi da piazza del Campo dove operano Pasquale Ambra, Nobuko Suzuki, Antonio Dolfi e Mirko Faiozzo. Quattro professionisti del vino che hanno portato una ventata fresca in fatto di degustazioni: l’Emporio è centro di cultura, dove il convivio e la dottrina si incontrano. Tra i vini presenti, la Toscana si prende una bella fetta sui rossi, ma non mancano bianchi del Trentino Alto Adige e del Friuli. Inoltre si possono trovare anche piccoli prodotti gourmet come lo zafferano, le composte di frutta e il miele. All’Emporio Mediterraneo c’è anche la possibilità di usufruire del Wine and Tours Italy, che porta l’appassionato di vino alla scoperta delle migliori cantine toscane.
  2. cantina-del-brunelloCantina del Brunello di Montalcino (via della Sapienza, 66). Questa enoteca – che una volta era in via del Paradiso – è una delle più storiche della città. Trasferitasi da qualche tempo in via della Sapienza, la creatura di Federico Pieri ospita bottiglie scelte con passione e competenza. Qui si stappano etichette, frutto di un lavoro creativo e attento che dura anni, e assistere a una degustazione guidata di Federico permette di fare un viaggio a 360° attraverso i vini di Toscana e non solo.
  3. wein-wino-wineWein Vino Wine (Strada di Pescaia, 65). L’enoteca è lo spin-off dell’omonimo locale di Merano e a fare gli onori di casa c’è Giampaolo Betti, sommelier e grande appassionato di vino, che con grande competenza e conoscenza vi porterà alla scoperta delle denominazioni meno conosciute, dei vini biologici. Per chi lo desidera, c’è la possibilità di partecipare a degustazioni guidate di grande spessore.
  4. diwineDiwine (via Camollia, 71). Questa enoteca e spumanteria è collocata nella contrada dell’Istrice e nasce da un’idea dell’imprenditore Alessio Franchetti in collaborazione con lo staff dell’Azienda Agricola Castello di Radda. Alessio, insieme alla compagna Marina, è un fermo sostenitore della filosofia “Vendi solo quello in cui credi” e tra i suoi scaffali si trovano bottiglie di Franciacorta, Chianti Classico, Trebbiano d’Abruzzo, Pecorino e Ribolla, solo per citarne alcuni. Inoltre Diwine ha anche uno shop online, dove poter ordinare comodamente da casa i vostri vini preferiti.

Clicca qui per visualizzare la mappa

I commenti degli utenti