LSDM: una cena per i templi e tra i templi il 30 luglio a Paestum

21 marzo 2018

C’è il tempio dedicato ad Atena, quello invece dedicato a Nettuno. C’è la Basilica, dedicato alla dea Era, il più antico dei tre edifici, iniziato intorno al 560 a.C. E c’è la possibilità di cenare, per una sera, ammirando la loro maestosità. una cena stellata tra i templi di paestum A Paestum, il 30 luglio prossimo sarà infatti possibile partecipare alla Cena dei templi, organizzata dal Congresso Internazionale di cucina – Le Strade della Mozzarella LSDM. Un evento griffato, che vedrà ai fornelli 3 chef internazionali come Massimo Bottura dell’Osteria Francescana di Modena, icona della cucina italiana e 3 stelle Michelin; Heinz Reitbauer, chef del ristorante Steirereck di Vienna, 2 stelle Michelin e Sven Elverfeld, del Aqua at The Ritz-Carlton di Wolfsburg, 3 stelle Michelin. L’apertura, invece, sarà in mano a un’altra eccellenza, questa volta di pizza: a fare gli onori di casa, infatti, sarà Franco Pepe della pizzeria Pepe in Grani.

bottura-min

Evento conclusivo di una raccolta fondi, la cena è l’ultima occasione per sovvenzionare lavori di ricerca archeologica nell’area dei templi, volti anche a conoscere meglio la cucina del passato, con pratiche rituali e commensali così come dovevano essere nell’antichità. Soprattutto, di un’area nuova, accanto al tempio di Nettuno, che gli studiosi stanno cercando di comprendere. “La raccolta fondi – spiega Gabriel Zuchtriegel, direttore del Parco archeologico di Paestum – ci permetterà di riscoprire un altro pezzo dell’antica Paestum, con la realizzazione di un progetto di scavo stratigrafico, di restauro e musealizzazione dei risultati“.

franco-pepe

Ai sostenitori di questo progetto che doneranno da 800 euro in su sarà riservato uno dei 90 posti previsti per la cena. “Crediamo fortemente – sottolineano Barbara Guerra e Albert Sapere, ideatori e curatori del congresso LSDM – che in un Paese come l’Italia, la commistione e il lavoro sinergico di cibo e cultura siano fondamentali e questo evento ne è la riprova. Ci auguriamo che iniziative del genere vengano replicate anche altrove per promuovere e valorizzare i tesori della nostra terra“.

I commenti degli utenti