CHIC: le jam session degli chef

17 aprile 2018

Sono già 8 anni che la primavera – oltre a portare con sé colori e profumi – è teatro dell’appuntamento CHIC più importante dell’anno: il Congresso Annuale dell’associazione, nel corso del quale sono stati presentati la Guida 2018/19, i nuovi soci e i progetti per l’anno in corso. l'associazione nata nel 2009 conta 119 soci e 120 locali L’associazione, nata nel 2009, riunisce al momento 119 soci (10 all’estero) e 120 locali: 64 ristoranti, 31 ristoranti d’albergo, 9 ristoranti con camere, 3 ristoranti all’interno di cantine vinicole, 1 ristorante in agriturismo, 8 pizzerie, 4 laboratori. I nuovi ingressi sono stati annunciati nel corso dell’ottavo congresso dell’associazione, tenutosi nei giorni scorsi al Reinaissance Tuscany Il Ciocco Resort & Spa, a Barga, nel cuore della Garfagnana, non lontano da Lucca.  In questa regione risiedono diversi associati e quest’anno si rivela anche una realtà della ristorazione estremamente dinamica e in crescita: Antonio Strammiello ritorna al Castello di Fighine di San Casciano dei Bagni, Fabio Barbaglini approda al ristorante La Ménagère a Firenze, mentre Stefano Santo arriva a Il Salviatino. E toscani sono anche i 5 chef che hanno firmato la cena di gala, dopo l’assemblea: Fabio Barbaglini, Maurizio Bardotti, Stefano Pinciaroli, Michele Rinaldi ed Emanuele Vallini.

I nuovi soci di CHIC

Paolo Griffa

Paolo Griffa

Tante le novità emerse al congresso, dalle iniziative già in attivo e in crescita (come il costante impegno per il sociale e la sostenibilità ambientale) all’importanza della formazione. Conosciamo le new entry di Charming Italian Chef, le new entry spaziano da nord a sud, dai ristoranti alle pizzerie l’associazione capitanata da Paolo Barrale del Marennà di Sorbo Serpico. Sono 18 i nomi freschi dell’ingresso a Chic (Baita Mondschein ne conta due), molti dei quali giovani della ristorazione italiana e non solo. Scopriamo chi sono: dalla Liguria troviamo Il Marin di Eataly a Genova con lo chef Marco Visciola, poi Orterie a Stazzona (SO) guidato dallo chef Rie Otsuke, il Petit Royale a Courmayeur (AO) con lo chef Paolo Griffa; Castel Fragsburg a Merano (Bz) e lo chef Diego Sales; Antica Osteria la Rampina a San Giuliano (MI) con lo chef Luca Gagliardi; Pizzeria Da Zero a Milano e il maestro pizzaiolo Paolo De Simone; Unico a Milano con il pastry chef Beppe Allegretta; ‘O Fiore Mio a Faenza (FC) e il maestro pizzaiolo; Baita Mondschein a Sappada (UD) con gli chef Marco da Rin e Paolo Kratter; il Castello di Fighine a San Casciano Bagni (SI) con lo chef Antonio Strammiello; Nascostoposto a Terni (TR): chef Armando Beneduce; Dolciarte ad Avellino con la pastry chef Carmen Vecchione; Pensando a Te a Baronissi (SA): chef Antonio Petrone; La Boutique del Pane a Messina e il maestro panificatore Tommaso Cannata; Il Cappero a Vulcano (ME) guidato dallo chef Giuseppe Biuso. Da oltre confine arrivano la Pizzeria Bijou a Parigi con il maestro pizzaiolo Gennaro Nasti e il Gavi a Beirut in Libano con lo chef Armando Codispoti.

I PROGETTI

il marin eataly genova

Chic Respect è il progetto che nasce per richiamare il settore del consumo a confrontarsi sull’attenzione e il rispetto per l’ambiente e per le sue risorse, oltre ad approfondire uno dei temi maggiormente sentiti del nostro tempo: la sostenibilità. In The Kitchen Tour è nel  circuito B2B ideato dall’associazione al fine di promuovere e raccontare i migliori prodotti dei diversi territori attraverso la collaborazione tra gli chef CHIC: i cuochi s’incontrano in piacevoli jam session culinarie all’interno di cucine sempre diverse, per dare libero sfogo alle loro interpretazioni creative sperimentando le eccellenze dei prodotti locali. Questi gli appuntamenti 2018: 14 maggio a Gambolò (PV) a Villa Necchi alla Portalupa; il 5 giugno a Genova da Il Marin (Eataly); 20 giugno a Piobesi D’Alba al Ristorante 21.9; 5 luglio a Cortina al Rosa Petra Resort & Spa; 3 settembre a Erbusco all’Albereta Resort (B2B Pizza); 17 settembre a Napoli al Ristorante Palazzo Petrucci, 2 ottobre a Giarre (CT)  al Radicepura e il 12 novembre a Silvi (TE) al Borgo Fonte Scura.

bambino al ristorante

Inoltre CHIC aderisce al progetto ideato dalla giornalista Rosaria Castaldo, Slurp Kids, un sistema di certificazione che qualifica i ristoranti rendendoli idonei anche ai bambini. Il progetto affronta, attraverso la formazione, le tre criticità specifiche: l’elaborazione del baby menu, la gestione dei bambini in sala attraverso il maître dei bambini e gli strumenti per l’intrattenimento.

I commenti degli utenti