Le Strade della Mozzarella 2018: gli atelier del Taste Club

21 maggio 2018

LSDM Le Strade della Mozzarella 2018 si arricchisce anche quest’anno degli appuntamenti con gli atelier del Taste Club.

23 maggio

domenico stile

Al Savoy Beach Hotel di Paestum si parte alle 12 del 23 maggio con l’atelier dedicato alla pasta secca nella ristorazione d’autore, organizzato in collaborazione con Pastificio dei Campi e con la presenza di Errico Recanati, del Ristorante Andreina di Loreto. Alle 14 si replica quindi con Domenico Stile, dell’Enoteca La Torre a Villa Laetitia di Roma. In entrambi i panel, modera Valentina Venturato.

Alle 12.45 l’atelier Think Green, in collaborazione con D’amico e la presenza di Cristian Torsiello, dell’Osteria Arbustico, Capaccio Paestum – modera Pamela Panebianco – e di nuovo alle 17 con Peppe Stanzione, Le Trabe, Capaccio Paestum, a moderare Marco Lombardi. Per l’atelier la cucina dell’acidità, organizzato in collaborazione con De Nigris, alle 13.30 ci sarà Luigi Salomone di Piazzetta Milù, una stella Michelin a Castellammare di Stabia (modera Giulia Mancini) e alle 15.15 il giovane Pasquale Palamaro di Indaco, all’interno dell’Albergo della Regina Isabella di Lacco Ameno a Ischia, con la sua cucina creativa, estetica e verace (modera Valentina Venturato).

giulio-terrinoni

La pasta fresca, in collaborazione con Divine Creazioni, viene messa in scena alle ore 14.45 da Paolo Gramaglia, Ristorante President, Pompei: studi matematici, poi cuoco, con una sua filosofia personale, da poco arricchita dal pensiero di sottrarre per moltiplicare. Quindi, alle 16 il pomodoro san Marzano, in collaborazione con Ciao, sarà nelle ricette bizzarre di Marco Ambrosino, ristorante 28 Posti, Milano – una laurea in economia ed ennesima dimostrazione che cuochi si diventa – moderato da Giulia Mancini, e alle 18 in quelle di Giulio Terrinoni del Ristorante Per Me, Roma, moderato da Sara de Bellis.

Sempre Sara de Bellis alle 16.30 modera l’atelier Frienn magnann in collaborazione con Olitalia di Pasquale e Gaetano Torrente, del Ristorante al Convento di Cetara, maestri italiani dell’arte del cuoppo; mentre per l’atelier la mozzarella di bufala campana Dop nella ristorazione d’autore, in collaborazione con il Consorzio di tutela della mozzarella di bufala campana, ci sarà alle 17.30 Saverio Sbaragli di Tosca, Ginevra (Svizzera), moderata da Pamela Panebianco.

24 maggio

viviana varese

Anche giovedì si ricomincia alle 12 per il pomodoro San Marzano c’è Franco Cimini, chef e titolare dell’Antica Osteria del Mirasole di San Giovanni in Persiceto, moderato da Pamela Panebianco. Per l’atelier sulla mozzarella di bufala campana DOP alle 12.30 Viviana Varese di Alice Ristorante, moderata da Claudio Sacco.

Alle 13.15 Luciano Villani, a capo della brigata del ristorante Locanda del Borgo all’interno del Resort Aquapetra a Telese Terme, parlerà con Marco Lombardi per l’atelier sulla pasta fresca. Per le cucina delle acidità, invece, alle 14 appuntamento con Giulia Mancini e Sakai Fumiko de il Bikini, Vico Equense, mentre alle 15 ci sarà Salvatore La Ragione di Mammà Restaurant, Capri, che incontrerà Pamela Panebianco.

TOSCANA-TERRA-DEL-BUON-VIVERE-Siena-Marco-Stabile

L’atelier Frienn magnann vedrà alle 14.30 nuovamente Pasquale e Gaetano Torrente con Sara de Bellis, mentre alle 16.30 Marco Stabile de l’Ora d’aria di Firenze ospiterà Claudio Sacco. Per gli incontri Think green, alle 15.45 Alfonso Caputo della Taverna del Capitano, Nerano moderato da Marco Lombardi. Alle 17.15 Giulia Mancini incontra Edoardo Fumagalli della Locanda del Notaio, Pellio Intelvi, classe 1989, tra i più giovani chef stellati d’Italia. Si chiude alle 18 con la pasta secca di Stefano Di Giosia, del Ristorante Tosto di Atri.

I commenti degli utenti