E voi conoscete l’olio di semi di tè?

24 maggio 2018

La verità è che non esiste un solo olio a cui affidarsi. In cucina dovremmo avere un olio giusto per ogni occasione. Così se friggere con l’olio extravergine d’oliva ci garantisce il miglior risultato in termini salutistici, usare il burro non deve essere per forza considerato un peccato mortale. Allo stesso modo scoprire oli più esotici come quello di soia o di lino, può darci un’arma in più per nuove e succulente ricette. la qualità dell'olio che consumiamo è importante per la nostra salute e benessere Tra i grassi vegetali da tenere in cucina c’è anche l’olio di semi di tèIniziamo col dire che la scelta dell’olio da usare in cucina è molto importante perché gli oli che introduciamo nel nostro corpo diventano parte integrante del sistema di comunicazione tra le cellule. Ogni cellula del nostro corpo è circondata infatti da uno strato di lipidi, che la protegge. Questo strato permette di processare nutrienti e scarti. Per questo la qualità dell’olio che consumiamo è importante per la nostra salute, bellezza e benessere.

olio-di-semi-di-te

Fatta questa premessa, secondo alcuni esperti di nutrizione l’olio di semi di tè può cambiare le nostre vite. L’olio di semi tè si ottiene dalla Camellia sinensis, la pianta dalle cui foglie e germogli si ricava la millenaria bevanda. l'olio di semi di tè è ricco di acidi grassi benefici per l'organismo e di vitamine E, A e B, potenti antiossidanti I semi possono essere spremuti, ottenendo un olio dal gusto dolciastro, molto usato in cucina. Il processo di estrazione avviene a freddo e per Giappone e Cina, soprattutto nella provincia dello Hunan, è il principale olio usato in cucina. Questo estratto non va confuso con l’olio essenziale, il famoso tea tree oil, estratto dalla Melaleuca alternifolia, pianta differente usata a scopo medicinale. L’olio di semi di tè batte l’olio extravergine d’oliva per punto di fumo: 251°C contro soli 210°C. Come il suo nobile collega condivide la presenza di acido oleico, linoleico e alfa linoleico: si tratta di acidi grassi benefici per l’organismo. Inoltre, l’olio di semi di tè è ricco delle vitamine E, A e B, potenti antiossidanti.

tempura-ricetta

Oltre che meritare dunque la corona per l’olio principe delle fritture, può essere usato per salse, condimenti e produzione di margarina. In Giappone non c’è tempura senza olio di semi di tè, ma nemmeno acconciatura dei lottatori di sumo, che lo usano come trattamenti per i capelli. Sempre dal Paese del Sol Levante arrivano i consigli per utilizzarlo in cucina. Le ricette più note a base di olio di semi di tè sono il tofu saltato con olio di semi di tè e pistou di basilico o un buon pesto di semi di zucca e basilico arricchito dall’olio di tè.

I commenti degli utenti