Drink It: i cocktail imbottigliati del Caffè Propaganda a Roma

13 giugno 2018

Al Caffè Propaganda è tempo di cambiamenti e grandi ritorni. Il miglior bistrot di Roma, secondo la guida del Gambero Rosso 2018, inaugura un nuovo corso con qualche miglioria estetica e funzionale al locale e soprattutto con alcune novità nell’offerta. il progetto dei cocktail imbottigliati è di caffè propaganda ed emanuele broccatelli La parola d’ordine è terroir, un concetto in controtendenza rispetto alla moda fusion e che si esprime attraverso ingredienti e ricette legati alle tradizioni culinarie di vari paesi del mondo: un filo conduttore che si può trovare tanto nei piatti quanto nei drink. E a proposito di bere, la bella notizia è che dietro il bancone, ha ripreso la sua postazione il talentuoso alchimista Emanuele Broccatelli che gioca di sponda con lo chef Fabio Pecelli, abbinando i suoi cocktail ai piatti del menu. La carta dei miscelati regala suggestioni esotiche come nel caso del Caffè Meravigliao, dedicato al Brasile, con latte di cocco, passion fruit, ananas, farina di tapioca, caffè e cachaça. In alternativa, si può volare in Russia con il Beet & Shout: Stoly Elite infusa all’aneto, estratto di rapa rossa bruciata, lo shrub aceto di lamponi, albume e sale. Se invece si vuol restare in Italia il Piemonte/Sicilia fatto con vermouth e Marsala, è il modo perfetto per unire il Bel Paese. In totale 16 proposte, per 16 paesi diversi, a cui si aggiungono i cocktail imbottigliati a marchio Drink It: un progetto appena realizzato, sempre da Emanuele Broccatelli.

caffè propaganda

L’idea nasce 4 anni fa, ma l’anno scorso finalmente ho comprato un liquorificio insieme a Valeria Bassetti ed abbiamo iniziato questo percorso”, ci spiegano. 4 grandi classici, per ora: Milano-Torino, Negroni, Gin Martini e l’Amaro Perfetto (blend di vini fortificati e amari artigianali italiani). “Sono cocktail ma li trattiamo come se fossero vini, il tempo è uno degli ingredienti. Abbiamo dei tank da 50 litri, li riempiamo fino a 40 e li lasciamo in affinamento per sei mesi, poi altri due mesi in bottiglia. Il risultato sono delle leggere ossidazioni e una particolare morbidezza”.

caffè propaganda

A renderli ancor più complessi dal punto di vista aromatico, il ricorso a più distillati dello stesso tipo contemporaneamente per ogni ricetta. In cantiere c’è inoltre la produzione di un gin e di alcuni amari, legati al territorio della campagna romana, poiché il liquorificio è sito a Ciampino.

emanuele broccatelli

Le bottiglie si presentano con un design farmaceutico, in vetro trasparente. Il formato è da 500 ml, che tradotto significa circa 5 drink ed è venduto a un prezzo consigliato di 24 euro per l’asporto. Ovviamente al Caffè Propaganda se ne può ordinare anche solo una porzione. Nessun dubbio poi per quanto riguarda il servizio: “L’etichetta spiega tutto” dice Broccatelli, “oltre agli ingredienti sono indicati la temperatura ed il bicchiere di servizio, a scelta si può utilizzare del ghiaccio oppure lasciarli in frigo e versarli già freschi”. Il prodotto è rigorosamente artigianale, come ci tiene a rimarcare Broccatelli, Drink It è inoltre il primo esempio italiano di cocktail imbottigliati.

I commenti degli utenti