Napoli: ecco la 4°edizione di Bufala Fest

10 luglio 2018

2 km di gusto, sul lungomare e di fronte al Golfo di Napoli, per raccontare il territorio campano, ma soprattutto la bufala. È questo il Bufala Fest, dal 7 al 15 luglio sul lungomare Caracciolo. cooking show di cuochi stellati e 4 workshop tematici con operatori, esperti e rappresentanti delle istituzioni  Oltre 50 gli stand food, con mozzarella, carne, pizze, dolci, esclusivamente prodotti della filiera bufalina. Concerti e spettacoli musicali alla rotonda Diaz, per lasciare spazio a cooking show di cuochi stellati e a 4 workshop tematici con operatori, esperti e rappresentanti delle istituzioni. Verranno approfonditi tutti gli aspetti del bufalo, a cominciare dalla carne, rossa e che si presta molto bene alle diverse esigenze alimentari, vista la sua magrezza, nonché a numerose ricette, come l’insalata di carne di bufalo marinata con pomodorini, sedano e olio al basilico, o il bufalo bollito o la salsiccia col finocchietto selvatico.

napoli-bufala-fest

Lunedì 9 alle 18.30 si parte quindi con il primo Bufala Fest workshop, dal tema Il turismo oltre l’evento: proposte per la valorizzazione dei percorsi della filiera bufalina, per esplorare i percorsi aperti e quelli ancora da aprire di tutto il mercato dedicato alla bufala. Giovedì 12 luglio c’è invece Carne di bufalo, gusto e benessere, con medici, nutrizionisti, allevatori, rappresentanti della grande distribuzione e del mondo accademico che si confronteranno sulle strategie di mercato da adottare per incentivare gli investimenti a favore della carne di bufalo. Venerdì 13 luglio, sempre alle 18.30 l’occasione sarà giusta per scoprire le potenzialità della ricotta di bufala, l’ingrediente a cui è rivolto il workshop Identità e peculiarità della ricotta di bufala campana Dop.

45f0e017-7166-484d-a62a-cfda43e4d4b4

Infine, domenica 15 gli incontri tra stakeholder si concluderanno con l’evento 2018 Anno del Cibo Italiano, per una serata tutta all’insegna della filiera bufalina, che contamina i propri prodotti con le altre filiere campane, in particolare, conserve, pasta, olio e vino.

I commenti degli utenti