Per gli amanti del formaggio: Bettelmatt Trail il 14 luglio

13 luglio 2018
di Alessandra Iannello

È l’oro bianco della Val Formazza (provincia Verbano-Cusio-Ossola), e come tale il formaggio Bettelmatt ha la sua quotazione fissata dall’Associazione che aggrega i produttori e che, per quest’anno, è fissata a 19 euro il chilo. un formaggio pregiato di cui esistono soltanto 8 produttori nelle vallate di formazza e baceno Ovviamente questo è il valore minimo perché il prezzo può variare, anche di tanto, in base alla zona in cui è venduto (per esempio a Milano costa molto di più che nelle vallate dove è prodotto) e dal periodo dell’anno (dopo dicembre costa tendenzialmente di più). Già nell’antichità questo formaggio era prezioso tanto che era utilizzato come merce di scambio. Il nome Bettelmatt pare derivi da battel che significa questua (era utilizzato per fare di beneficenza) e matt, che in tedesco significa pascolo quindi: pascolo della questua.

0dscn2837

Il prezzo è giustificato dalla ridottissima quantità di forme prodotte. Per dare un’idea, nel 2017, anno che ha visto un incremento della produzione, il numero delle forme si è attestato tra 5.500 e 5.600. Non sono poche se messe in relazione col numero dei produttori (solo 8 in 7 alpeggi tra i 2000 e i 2400 metri nelle vallate di Formazza e Baceno) e del periodo di produzione (solo in estate). Ma, nonostante sia un formaggio di nicchia, il Bettelmatt ha degli estimatori anche all’estero e alcune forme sono vendute anche in Paesi come Giappone, Stati Uniti e Germania.

Cos’è il bettelmatt

bettelmatt

Il Bettelmatt è un formaggio a pasta semi cotta che si ottiene dalla lavorazione di latte vaccino intero crudo, prodotto da bovine di razza bruna italiana nutrite al pascolo. La stagionatura minima è di due mesi e l’originale ha il marchio a fuoco sullo scalzo dove sono riportate la data di fabbricazione e il nome dell’alpeggio di produzione accompagnato dal numero di bollo CEE del caseificio. L’aroma particolare di questo formaggio è dato dal mix di erbe e fiori, tra cui l’erba Mutellina (Artemisia Umbelliformis), presente nelle zone di alta montagna dove il bestiame è portato al pascolo e dove il formaggio è prodotto.

Bettelmatt trail

BUT Bettelmatt Ultra Trail 2017

Per far conoscere questo formaggio (definito eroico per l’altezza a cui è prodotto) ogni anno è organizzata la Bettelmatt Trail. L’edizione 2018 si svolgerà sabato 14 luglio e prevede 4 percorsi diversi: il più lungo sarà quello di Bettelmatt Trail, 52 km con partenza e arrivo a Riale e dove si sfiorerà quota 3000 metri di altezza, 4 percorsi diversi per giungere a riale, a gustare i piatti di matteo sormani punto più alto della gara. Gli altri tre percorsi, più brevi, sono la Bettelmatt Sky Race da 35 km, la Bettelmatt Race da 22 km e la Bettelmatt Mini Trail La Stampa da 8 km. Attualmente sono iscritti oltre 720 atleti di 13 nazionalità (Italia, Svezia, Francia, Germania, Finlandia, Ecuador, Gran Bretagna, Repubblica Ceca, Venezuela, Slovacchia, Polonia, Danimarca). La gara attraversa boschi di pino e larice, laghi d’alta quota, piccoli borghi alpini, rifugi di montagna, ghiacciai, bacini idroelettrici e, per la prima volta nella sua storia, l’itinerario passerà anche dalla Cascata della Toce.

cappelletti-di-patate-rosse-della-val-formazza-borraggine-e-jus-di-vitello

A questi luoghi si aggiungono anche gli alpeggi in cui si produce il formaggio Bettelmatt e i caratteristici insediamenti Walser. Per tutti i percorsi l’arrivo è previsto a Riale dove lo chef Matteo Sormani della locanda Walser Schtuba impiega il Bettelmatt, sotto forma di crema, per condire i suoi cappelletti di patate rosse della Val Formazza, borraggine e jus di vitello.

I commenti degli utenti