Coquis a Roma: al via i corsi di cucina di settembre

23 luglio 2018

Nuovi percorsi professionali, offerta sempre più diversificata e qualità altissima. Tornano a settembre i corsi di Coquis, l’Ateneo della cucina, punto di riferimento per la formazione di personale qualificato in una struttura all’avanguardia. Cucina, pizzeria, pasticceria: per il nuovo anno Coquis ha preparato piani di studio severi e di livello, dedicati a chi decide di intraprendere la professione di cuoco, pasticciere o pizzaiolo, con nozioni scientifiche teoriche accanto a diverse ore di laboratorio pratico, per pacchetti formativi a tutto tondo.

coquis

Riparte, anche quest’anno, l’European Bachelor, che consente di intraprendere un percorso di studi post-diploma equivalente a una laurea triennale. riparte l'European Bachelor che consente di intraprendere un percorso di studi post-diploma equivalente a una laurea triennale Il percorso è rivolto esclusivamente a coloro che sono in possesso di un diploma di scuola superiore, esperienza lavorativa, diploma di istituto alberghiero. “È un percorso con varie sfaccettature – spiega Tiziana Belocchi, direttrice dell’Ateneo – in cui si studiano differenti materie e che crea profili specializzati, in grado di muoversi in cucina così come in sala. Quello che ci interessa è la motivazione dei ragazzi, che deve essere pari per tutti. È un percorso lungo, difficile e impegnativo, quindi esattamente come la partenza è uguale per tutti, così deve essere il punto d’arrivo”. Il 10 settembre partono i corsi professionali di cucina, pizzeria e pasticceria: alla fine di ogni corso, l’allievo consegue un importante qualifica regionale, riconosciuta in tutta Italia e in tutti i Paesi europei.

coquis-2

Previsti anche alcuni master, dedicati ad addetti al settore o a studenti usciti da percorsi formativi di rilievo, che consentono di avere una preparazione all’avanguardia. Percorsi sulle tecniche di cucina, nei diversi incontri ci si confronta con professionisti, imparando le più contemporanee ed evolute tecniche, nuovi macchinari, nuovi approcci negli impasti, con aggiornamenti rispetto alla preparazione. previsti anche alcuni master dedicati ad addetti al settore o studenti usciti da percorsi formativi di rilievo I seminari, invece, saranno dedicati a chi già lavora o semplicemente vuole apprendere qualche notizia in più su un determinato ingrediente, in termini di stagionalità, provenienza, trattamento, manualità, oltre alle tecniche di valorizzazione del prodotto.

img_0438

Inoltre ci sono i corsi amatoriali, con nozioni di nutrizione e trattamento di ingredienti particolari. “Nasciamo come scuola professionale – spiega ancora la direttrice – siamo rigidi con i nostri studenti e lo siamo anche nei corsi amatoriali. Nascono per divertire, certo, ma nascono come percorsi e non come corsi singoli. Si svolgono in diversi appuntamenti, a seconda dell’ambito in cui ci si vuole cimentare. Durante il corso ci si muove tra le tecniche di cottura o le materie prime, cercando di dare un inquadramento professionale e tecnico, con postazioni singole per ogni partecipante. Siamo professionisti prestati all’amatoriale”.

 

I commenti degli utenti