Salone del Gusto a Torino: gli eventi da non perdere

13 settembre 2018

Il Salone del Gusto di Torino è un evento che, in realtà, vive sull’intero territorio piemontese. Per cinque giorni, infatti, Terra Madre Salone del Gusto non si limita a coinvolgere soltanto la città sabauda, ma anche luoghi e territori molto lontani dal centro, all’insegna del tema di quest’anno: il cibo per il cambiamento.

Appuntamenti a tavola

ana-ros-netflix-0

Classico degli eventi di Slow Food, anche nell’edizione 2018 non mancano gli Appuntamenti a Tavola. I primi a essere apparecchiati propongono un viaggio tra le storiche cucine del Cambio e quelle di Eataly, durante i giorni dell’evento. i grandi chef come baronetto e ros si alternano per appuntamenti a tavola Si parte con l’anteprima stellare di mercoledì 19, dove al Cambio si alternano ai fornelli il padrone di casa, Matteo Baronetto e Paolo Casagrande, tre stelle a Barcellona nel suo Lasarte. Giovedì ci si sposta in Slovenia con la cucina di Ana Roš, miglior cuoca del mondo nel 2017 secondo The World’s 50 Best Restaurants. Giovedì aprono le storiche cantine del Cambio, dove Matteo Baronetto e la sua equipe creano per i commensali un lungo tavolo unico per gustare il meglio della cucina del ristorante in abbinamento a grandi vini, mentre venerdì 21 ci saranno Arcangelo e Peppino Tinari, esponenti della grande famiglia di Villa Maiella (Guardiagrele, Chieti), ristorante e fattoria in cui allevano i loro suini neri abruzzesi.

moreno cedroni

Si torna in Spagna sabato 22 con Artur Martínez, una stella Michelin a Terrassa, Barcellona, e Marc Ribas, presentatore della versione catalana del programma TV 4 ristoranti. Mentre domenica 23 arrivano a Torino i sapori d’Islanda, quelli che Gísli Matthías Auðunsson, giovane chef dell’Alleanza Slow Food mette quotidianamente in tavola nel suo Slippurinn a Haimaey, piccola isola di pastori e pescatori, con l’intento ambizioso di valorizzare la cultura gastronomica della sua terra. Si chiude lunedì 24 con Moreno Cedroni, che nello spazio di una serata ripercorre i 34 anni di storia de La Madonnina del Pescatore (Senigallia, Ancona).

Itinerari

Langhe

Entrano a far parte del programma per la prima volta 15 itinerari, disponibili dal 15 al 30 settembre, progettati per l’occasione da Tour DiVini e dalle Condotte Slow Food locali, itinerari in giro per il piemonte per scoprire il cibo buono, pulito e giusto per incontrare il cibo buono, pulito e giusto nei luoghi dove viene pensato, desiderato, coltivato e trasformato. Dalle Langhe con i suoi vini e il tartufo, al Verbano, alla scoperta delle bellezze paesaggistiche e delle bontà agricole del Lago Maggiore. Quindi, anche territori meno conosciuti, fuori dalle consuete rotte turistiche: la Val di Susa dei vitigni eroici e della Sacra di San Michele; il Biellese con due i presidi Slow Food del burro dell’Alto Elvo, prodotto all’interno di un antico monastero, e il formaggio macagn; o ancora le colline selvagge dell’Alessandrino e del Tortonese, alla scoperta del Timorasso e di un altro Presidio Slow Food, il formaggio montèbore.

Forum tematici

slowmeat_hd-10-x2

Quindi, 43 forum tematici, per tenere sempre viva l’attenzione sulle grandi questioni internazionali legate al cibo, con i settori Slow Meat, Slow Fish, i semi Slow Food, api e insetti e cibo e salute. Sugli stessi temi sono in programma anche le grandi conferenze, organizzate in collaborazione con il Circolo dei Lettori di Torino e che si svolgeranno in parte al Lingotto, in parte in Nuvola Lavazza

Festival di Mirafiori

38708079_730309267311692_8619106035644235776_o

L’evento si arricchisce poi di tutte le iniziative organizzate dalle 120 città di Terra Madre, mentre Torino stessa propone visite guidate, anche in bici, tra residenze reali, chiese barocche e artigiani dell’agroalimentare. a mirafiori sud sono in programma ben due festival durante il salone In particolare, i tradizionali appuntamenti di visita nelle residenze reali si concludono con una degustazione di eccellenze locali a cura dei Maestri del Gusto. E, forte dell’esperienza di evento diffuso del 2016, molti appuntamenti sono in programma nei vari quartieri, organizzati da enti e associazioni che hanno risposto al bando Io sono Terra Madre. Impossibile non fare un salto a Mirafiori Sud e San Pietro in Vincoli dove sono in programma due festival: Mirafiori h24 e Siediti Vicino a me, dove si potrà partecipare, per esempio, ai laboratori di autoproduzione collettiva Mani in pasta, con le anziane del quartiere Mirafiori insegnano a confezionare diversi formati di pasta fresca, dalla farina alla tagliatella. O, ancora, assistere a spettacoli teatrali, reading letterari, concerti sui temi della migrazione, della convivenza e dell’incontro.

I commenti degli utenti