San Sebastian Gastronomika 2018: i suoi primi 20 anni

2 ottobre 2018

Avvertenza: quest’anno non andate a Gastronomika se non vi interessa la storia della cucina contemporanea. Andateci invece se volete capire come, dalla Spagna, due decenni fa, il congresso compie 20 anni e dall'8 al 10 ottobre riunirà grandi nomi della cucina contemporanea ebbe inizio un nuovo pensiero che poi investì e continua oggi a investire e influenzare il modo di pensare e di fare cucina. Mancano pochi giorni: l’8 ottobre i riflettori si accenderanno sulla ventesima edizione di Gastronomika a San Sebastian (in basco Donostia). Un’edizione speciale, perché 20 anni fa ebbe inizio nella gastronomia spagnola una rivoluzione che cambiò il mondo gastronomico, capovolgendo il mondo della cucina e creando una vera e propria mitologia culinaria. Un nuovo modo di intendere il food basato sulla libertà di sperimentazione e su uno sguardo senza confini che ha trasformato l’evento gastronomico in un’esperienza globale.

gastronomika

Era il 1999 quando si tenne la prima edizione del Congresso Gastronomico di San Sebastián, Lo Mejor de la Gastronomia, il primo congresso di alta cucina tenutosi a livello internazionale e uno dei più prestigiosi del settore. Di formato innovativo, Lo Mejor dopo essere cresciuto e consolidatosi in tutto il mondo, nel 2009 cambia il nome in San Sebastian Gastronomika. Per celebrare appunto i 20 anni di congressi culinari, e insieme i 20 anni di rivoluzione che hanno posto la Spagna in prima linea nella gastronomia internazionale, dall’8 al 10 ottobre presso il Palazzo Kursaal si concentrerà l’élite gastronomica nazionale, a cui il congresso in questa edizione renderà omaggio. I protagonisti saranno gli chef che in questi anni hanno firmato il manifesto dell’avanguardia gastronomica iberica: Juan Mari Arzak, Martin Berasategui, Pedro Subijana, Andoni Luis Aduriz, Hilario Arbelaitz, Eneko Atxa, Josean Alija, Joan Roca, Carme Ruscalleda, Quique Dacosta, Angel Leon, Paco Perez, Dani Garcia, Nacho Manzano e Pedro e Marcos Morán.

Dibattiti

mg_7298

Non solo ponecias e dibattiti: Gastronomika 18 propone anche quest’anno un nutrito programma di attività parallele che valgono bene il viaggio, con un calendario fitto di attività, degustazioni, concorsi e premi. I duelli chef-critici: L’evoluzione della cucina d’avanguardia è il titolo di una delle presentazioni di questa edizione: critici e chef come José Carlos Capel, Rafael García Santos e Benjamín Lana, e gli chef Quique Dacosta (Quique Dacosta, Dènia) e Joan Roca (El Celler de Can Roca, Girona), condivideranno il palco per analizzare il boom della gastronomia in Spagna negli ultimi anni, analizzando come erano e a che punto sia lo stato dell’arte e tracciando, con le idee e le opinioni di ognuno, le possibili linee future.

Eventi collaterali

gastronomika

Gastronomika 2018 ospiterà il concorso Ruinart per sommelier professionisti della penisola iberica, iniziativa che ha anche il sostegno dell’Unione delle associazioni di sommelier di Spagna. Il vincitore riceverà una borsa di studio di € 1.000 e un viaggio di formazione di 4 giorni in Champagne. Sotto i portici del Kursaal il congresso si aprirà alla città per offrire una  proposta di street food in linea con il tema di quest’anno. Spazio dunque alla cucina spagnola, con tapas e creazioni storiche marchio di grandi chef. Tra gli altri, i cannelloni di Carles Gaig, la fabula di Marcos Moran, le crocchette di Nacho Solana. Il cibo di strada occuperà il portico d’ingresso del Kursaal da domenica a mercoledì, dalle 11 alle 20 (domenica, dalle 13.30 alle 19).

auditorio_4553

Ci saranno workshop per conoscere e gustare i migliori prodotti locali. Insieme gli chef cucineranno e i produttori spiegheranno virtù e novità delle eccellenze iberiche: tra le altre, le ostriche Amélie, la carne di agnello, la spigola di Aquanaria di Julián Mármol (Yugo The Bunker, Madrid) e il tonno di Julio José Vázquez (El Campero, Barbate).

Cucine private & Cooking with

matias-perdomo

Le cucine private sono laboratori di cucina monografica per 40 persone, con la partecipazione di Germán Martitegui (Tegui, Buenos Aires), Matías Perdomo (Contraste, Milano) e Rodolfo Guzmán (Boragó, Santiago del Cile). Ancora più ridotte – 10 persone – le classi di lezioni pratiche di Cooking with: questa volta saranno condotte da Kiko Moya (L’Escaleta, Cocentaina) e Chele González (Gallery Vask, Manila).

Presenze Internazionali

virgilio-martinez

Uno dei relatori internazionali del congresso, che illustrerà la situazione della gastronomia mondiale, sarà Virgilio Martínez, già a Gastronomika nel 2014. Martinez parlerà anche di sostenibilità, destino non solo della cucina ma soprattutto della vita del Pianeta. Lo chef peruviano sarà accompagnato dall’italiano Matías Perdomo (Contraste, Milano) e da José Andrés, grande riferimento spagnolo in America. Infine, il francese Paul Pairet (Ultraviolet, Shanghai) mostrerà quanto cammino debba ancora fare nel mondo sia l’evoluzione della cucina.

I commenti degli utenti