Roma: Excellence 2018 abbraccia il cambiamento

7 novembre 2018

Come tutti gli àmbiti, anche quello della ristorazione cambia continuamente e chef e aziende devono sapersi confrontare con il cambiamento intorno a loro. Come si impara? chef e aziende devono sapersi confrontare con il costante cambiamento della ristorazione È la domanda con la d maiuscola al centro della nuova edizione di Excellence, l’evento dedicato al mondo dell food che quest’anno spegne la sua sesta candelina, ritrovandosi dal 10 al 12 novembre prossimo negli spazi dell’Ex Dogana a Roma. Per rispondere al quesito, Horeca Media, organizzatrice dell’evento, ha riunito per 3 giorni le grandi aziende di organizzazione e sviluppo d’impresa, nonché le istituzioni, le scuole di formazione professionale, oltre agli chef stellati, i cuochi imprenditori e le aziende di comunicazione. In un mondo come quello del food, che in Italia smuove circa 134 miliardi l’anno e 35 miliardi di export (fonti Federalimentare 2017), l’idea di Excellence è infatti quella di diventare un grande incubatore per connettere piccole, grandi e medie imprese.

momenti-di-excellence-2-light

Così, quest’anno ci saranno 120 cuochi, di cui oltre 40 stellati Michelin, e 70 aziende produttrici, tra artigianali e industriali di alta qualità, per oltre cinquemila presenze previste tra pubblico e operatori. Tra le presenze importanti ci saranno PwC, network internazionale leader nei servizi professionali alle imprese, l’Agenzia Regionale per lo Sviluppo e l’innovazione dell’agricoltura del Lazio, l’Università Roma Tre con il suo corso di Laurea in Scienze e Culture Gastronomiche. Quindi JRE, Jeunes Restaurateurs d’Europe, aziende tecniche come Topkitchen, la scuola di formazione Intrecci, gli Ambasciatori del Gusto, Federalberghi e Fimar. Con un bel salotto che sarà messo a disposizione di tutti gli espositori e chef, per coadiuvare l’approccio b2b della manifestazione.

excellence-food-innovation-degustazioni-stellate-light

Tanti gli eventi in programma, alcuni si terranno anche in contemporanea, nelle quattro aree che compongono la manifestazione: la tasting area, con oltre cento aziende di food, la cooking station Pasta Excellence, la sala PwC e quella di Intrecci. In sala PwC, curata dal direttore scientifico dell’evento Nerina di Nunzio, ci saranno incontri e seminari su cucina, donne e food, ma anche lezioni di food marketing e talk. Nella sala Intrecci, invece, dedicata all’alta formazione di sala, alcuni incontri tra cinegustologia e presentazioni di libri, parchi e dell’Albergatore Day. Dalla collaborazione con Regione Lazio/Arsial, poi, nasce una serie di attività e un contest creato per dare la possibilità ai giovani professionisti di crescere: il Next Cooking Lazio, dedicato agli chef laziali, il contest Race To The Stars – Memorial Alessandro Narducci, la Tasting Area.

I commenti degli utenti