Tencsghiving: la nostra versione della festa americana

22 novembre 2018

A novembre l’America festeggia il Thanksgiving. Il Giorno del Ringraziamento è l’occasione che gli americani sfruttano per riunire tutta la famiglia sparpagliata ai quattro angoli del Paese per rendere grazie di ciò che si è ricevuto. le ricette tipiche del thanksgiving prevedono tacchino ripieno, gravy e pumpkin pie Questa festa a stelle e strisce si sta insinuando anche nelle nostre case. Dopo Halloween, c’è chi ha iniziato a festeggiare questo Tencsghiving, anche se noi, la famiglia, la riuniamo anche una volta a settimana. Così ecco i fanatici affaccendarsi per mettere in tavola le ricette tipiche del Thanksgiving, in un tripudio di tacchini ripieni, ondate di salsa gravy, tocchi di cornbread e l’immancabile pumpkin pie. Ma cosa succederebbe se il Giorno del Ringraziamento fosse italiano? Cosa metteremmo in tavola in occasione del Tencsghivin? Dato che la nostra tradizione culinaria ha una ricetta ad hoc per ogni momento del’anno, onomastici compresi, abbiamo pensato a un menu alternativo.

  1. pollo ripienoTacchino? Meglio il pollo arrosto (porchettato). Film e serie tv ci hanno insegnato che la famiglia americana non può celebrare degnamente il Giorno del Ringraziamento se in tavola non c’è un gigantesco tacchino ripieno (se la famiglia è povera o il film è incentrato su un single solo e triste a New York, basta anche un sandwich con la carne). Non che da noi il tacchino non si trovi, anzi, ma quando ci sediamo a tavola il vero re dei secondi delle feste è il pollo arrosto. Potete prepararlo allo spiedo oppure imitare gli americani e preparare il pollo ripieno. Ma per questo Tencsghivin perché non osare un po’ di più? Imitando la ricetta del coniglio porchettato, sostituite la carne dell’animale pasquale con quella di un bel pollo ruspante. Poi potrete completare il quadretto acquistando un coltello a seghetto automatico e recitando un discorso toccante, mentre affettate la sontuosa pietanza.
  2. La caponata invernale è prontaCaponata, o meglio il trionfo dei contorni regionaliPatate dolci? Green bean casserole? Mashed potatoes? Nah. I ricettari regionali sono pieni di gustosi contorni di verdure con cui sentirsi meno in colpa durante i lauti pranzi domenicali da 10-12 portate. Ad esempio accanto al pollo al forno si può servire una ricca caponata in versione invernale oppure sorprendete tutti con questa chicca: come contorno servite dei lampascioni sott’olio.
  3. gravyOltre la gravy: il sugo dei tajarin. La salsa gravy nasce per ovviare all’inconveniente di una carne troppo secca, effetto collaterale della lunga cottura in forno. Ma noi, che abbiamo una cultura culinaria molto più antica di quella del nuovo mondo, sappiamo fare ben altro. Se invece del pollo avete scelto di portare in tavola un bell’arrosto, potrete usare il suo sugo per condire persino i buonissimi tajarin. Per i più impavidi suggeriamo di condire il pollo arrosto porchettato con della salsa tonnata, giusto per colmare quel senso di vuoto che la cucina americana non contempla.
  4. la torta alla zuccaTorta di zucca e amaretti invece della Pumpkin Pie. La pasticceria americana non è fatta solo di grassi idrogenati e coloranti. Per il Giorno del Ringraziamento è solitamente servita la Pumpkin Pie, una classica torta di zucca speziata, servita in un involucro (coperto o scoperto) di pasta sfoglia o brisé. Noi non ci stiamo e per il nostro Tencsghivin scegliamo la classica torta di zucca. Via libera anche a cantuccini con vin santo (provate la variante al cioccolato) e amaretti (qui la ricetta per quelli morbidi), accompagnati con il famoso liquore di Saronno. Perché non è un vero pranzo delle feste se alla fine non c’è l’amaro.
  5. Torta di noci glassata orizz1Pecan Pie? No, thanks. Sappiamo tutti che le noccioline in genere sono un’ossessione per gli americani. Il famoso burro che fece impazzire anche Brad Pitt in Vi presento Joe Black è ovunque ed è usato indifferentemente per preparazioni dolci e salate. Nel Giorno del Ringraziamento c’è un’altra noce a farla da padrone: la pecan. Ma al posto della Pecan Pie, possiamo portare in tavola la torta di noci (qui la ricetta per prepararla con un ricco ripieno di cioccolato). Personalizzate, sempre: la vostra tavola parla di voi, non di una tradizione copiata solo perché va di moda.

I commenti degli utenti