Spritz

  • Difficoltà
  • Bicchiere di servizio
  • bassa
  • Rock Alto
29 gennaio 2014

Ingredienti

Strumenti

Lo Spritz è probabilmente l’aperitivo alcolico più conosciuto e apprezzato in Italia. Il cocktail, di origine veneziana, sembra sia nato nell’Ottocento grazie ai soldati dell’Impero Austriaco che, non abituati all’alta gradazione dei vini veneti, avevano preso l’abitudine di allungarli con acqua frizzante. Il nome spritz deriva infatti dal verbo spritzen che significa spruzzare e indica il gesto di allungare la bevanda. Solo in seguito si prese l’abitudine di diluire il vino con il selz e in seguito si è sviluppata la ricetta attuale. Generalmente il cocktail è a base di prosecco o vino bianco, soda e Aperol (o Campari).

Preparazione

  1. Lo spritz con l'aperolPrendete il bicchiere rock alto e versate l'Aperol, unite la soda e aggiungete il ghiaccio.
  2. Lo spritz con il proseccoColmate il bicchiere con il prosecco: questa operazione si chiama fill up. Mescolate con il bar spoon.
Decorate con 1 fetta di lime, 1 di arancia e, se volete, con 1 zest di arancia.

I commenti degli utenti