Il suo gusto ricorda quello del carciofo, ma risulta essere più dolce. Annerisce facilmente, per cui deve essere immerso in acqua acidulata o strofinato con il limone durante la preparazione. È tanto più pregiato quanto più è di color bianco avorio.

Del cardo si consumano solo le costole, scartando quelle più esterne solitamente più dure , ed eliminando le foglie. Si mangia solitamente cotto; una ricetta tipica del beneventano è una minestra chiamata cardone.

La varietà più comune è lo “Spadone”, detto anche “Gobbo del Monferrato” poiché l’imbianchimento si ottiene curvando la pianta e seppellendola in buche laterali, poi ricoperte di terra.

Ricette con cardi

Cardi gratinati, per l’inverno

I cardi gratinati sono un secondo piatto vegetariano perfetto per la stagione invernale composto da cardi sbollentati e besciamella cucinati al forno.

  • Difficoltà
  • bassa
  • Preparazione
  • 60 minuti
  • Calorie
  • 120 per 100 g

Sformato di cardi

Lo sformato di cardi è una preparazione invernale che si adatta a essere insaporita a piacere: venite a scoprire la nostra ricetta.

  • Difficoltà
  • bassa
  • Preparazione
  • 90 minuti
  • Riposo
  • 40 minuti
  • Calorie
  • 150 per 100 g

Caponata invernale

La caponata è un contorno tipico della cucina siciliana che ha innumerevoli varianti: la nostra versione invernale prevede l’uso del carciofo.

  • Difficoltà
  • bassa
  • Preparazione
  • 45 minuti
  • Riposo
  • 6 ore
  • Calorie
  • 300 per 100 g