Menzionato da Plinio e Apicio, il coriandolo veniva raffigurato già in alcune tombe egizie ma è probabilmente originario del Medio Oriente o del nord Africa, da dove si sarebbe in seguito diffuso in tutti i Paesi del Mediterraneo, Asia e America.
Il coriandolo ha numerose proprietà benefiche: può esser usato per preparare tisane e infusi contro i dolori di stomaco e per combattere l'emicrania e l'aerofagia. È anche in grado di facilitare la digestione e pare abbia proprietà stimolanti, eccitanti, antisettiche e aromatizzanti. In alcuni Paesi come lo Sri Lanka quest'erba aromatica è anche usata insieme al miele, per alleviare la tosse. Le sue proprietà sembra agiscano anche sul sistema nervoso, agendo positivamente su stanchezza e stati umorali depressi.

Del coriandolo si possono utilizzare sia le foglie fresche che i semi essiccati. I semi vengono utilizzati come spezia mentre in Oriente si usano le foglie al posto del prezzemolo. In Thailandia si usano anche le radici della pianta, soprattutto nella realizzazione di una salsa a base di aglio e pepe, mentre le cucine orientali e del sud America impiegano le foglie per arricchire zuppe e piatti a base di pesce. Per conservarne al meglio le sue proprietà, è preferibile conservare il coriandolo in un luogo fresco e asciutto.

semi del coriandolo sono dolciastri e caratterizzati da un leggero sapore di limone, mentre le foglie hanno un sapore piccante in grado di trasferire così a cibi e ricette un aroma pungente ma fresco.  Sono numerosissimi gli impieghi del coriandolo in cucina. Nel Medio Oriente, ad esempio, e in particolare in tutta la cucina araba e indiana, viene usato in abbinamento ad altre spezie, come nel caso del curry e del garam masala, dove i semi di coriandolo vengono macinati e uniti ad altre spezie. In Basilicata, nella città di Monte San Biagio, e in altri paesi meridionali, i semi vengono usati per condire l'impasto della salsiccia, mentre in Europa è particolarmente apprezzato per insaporire piatti a base di carne o di pesce, ma anche selvaggina, verdure, insaccati, bolliti e sottaceti. Il coriandolo trova infine impiego anche nella preparazione di numerosi liquori, birre particolari e dolciumi, come biscotti, confetti e panpepato.

Ricette con coriandolo

Pollo al curry con verdure: piatto indiano

Il pollo al curry con verdure è uno spezzatino tipico della cucina indiana, servitelo con riso bianco cotto pilaf o pane naan.

  • Difficoltà
  • bassa
  • Preparazione
  • 90 minuti
  • Calorie
  • 380 per 100 g

Papas y chorizo, sapori messicani

Papas y chorizo è un secondo piatto di carne tipico della cucina messicana ricco e gustoso, usate salsicce di maiale e scegliete patate a pasta gialla.

  • Difficoltà
  • bassa
  • Preparazione
  • 30 minuti
  • Riposo
  • 6 ore
  • Calorie
  • 400 per 100 g

Tandoori di salmone, India a tavola

Il tandoori di salmone è una ricetta inspirata alla cucina indiana perfetta per chi ama i sapori etnici, provatela con la salsa yogurt.

  • Difficoltà
  • bassa
  • Preparazione
  • 25 minuti
  • Riposo
  • 2 ore
  • Calorie
  • 260 per 100 g

Insalata di maiale piccante: ricetta thai

L’insalata di maiale piccante è una ricetta tipica della cucina thailandese, per prepararla vi occorre maiale macinato, riso tostato, scalogni e peperoncini.

  • Difficoltà
  • bassa
  • Preparazione
  • 55 minuti
  • Calorie
  • 270 per 100 g

Curry verde con pollo, cucina thai

Il curry verde con pollo è un piatto tipico della cucina thailandese, realizzate la pasta di curry in casa e unite pollo, melanzane e crema di cocco.

  • Difficoltà
  • bassa
  • Preparazione
  • 75 minuti
  • Calorie
  • 320 per 100 g

Zuppa di manzo thai e galanga

La zuppa di manzo thailandese è un piatto perfetto da consumare in una giornata fredda, è condito con galanga, peperoncino, lime, coriandolo e cipollotti.

  • Difficoltà
  • bassa
  • Preparazione
  • 75 minuti
  • Calorie
  • 180 per 100 g

Pollo piri piri, ricetta portoghese

Il pollo piri piri è un piatto della cucina portoghese, marinatelo per qualche ora e cuocetelo su una griglia o in forno al grill.

  • Difficoltà
  • molto bassa
  • Preparazione
  • 60 minuti
  • Riposo
  • 10 ore
  • Calorie
  • 230 per 100 g

Curry di verdure, ricetta indiana

Il curry di verdure è un piatto tipico della cucina indiana, in questa versione a base di verdure come l’okra e la radice di loto.

  • Difficoltà
  • bassa
  • Preparazione
  • 60 minuti
  • Calorie
  • 200 per 100 g

Arepas, tradizione venezuelana

Le arepas sono uno street food della tradizione Venezuelana e Colombiana, ossia dei panini ripieni in questo caso di carne mechada e cheddar grattugiato.

  • Difficoltà
  • bassa
  • Preparazione
  • 90 minuti
  • Calorie
  • 250 per 100 g

Zaalouk: caviale di melanzane

L’insalata zaalouk è una ricetta tipica della cucina marocchina facile da preparare con melanzane e pomodori, è perfetta da servire come antipasto.

  • Difficoltà
  • bassa
  • Preparazione
  • 40 minuti
  • Riposo
  • 10 minuti
  • Calorie
  • 250 per 100 g

Polpette di piselli, ispirazione mediorientale

Le polpette di piselli sono un secondo vegetariano: ricche di spezie e profumi come menta e sesamo ricordano un piatto della cucina araba.

  • Difficoltà
  • bassa
  • Preparazione
  • 30 minuti
  • Riposo
  • 10 ore
  • Calorie
  • 224 per 100 g

Shorba, zuppa algerina

La shorba è una zuppa algerina che unisce il sapore avvolgente dei ceci a quello più acidulo dei pomodori, arricchitela con l’hararat, un mix di spezie.

  • Difficoltà
  • bassa
  • Preparazione
  • 90 minuti
  • Riposo
  • 12 ore
  • Calorie
  • 180 per 100 g

Abrak, involtini di vite

L’abrak è un piatto della cucina libica in cui le foglie di vite sono farcite con riso e carne, il tutto è condito con un mix di spezie chiamato hararat.

  • Difficoltà
  • media
  • Preparazione
  • 60 minuti
  • Calorie
  • 230 per 100 g

Beyti Kebab: cucina araba

Il beyti kebab è un piatto tipico della cucina araba: si tratta di un involtino di sfoglia di pane, farcito con carne macinata cotta alla griglia.

  • Difficoltà
  • bassa
  • Preparazione
  • 50 minuti
  • Calorie
  • 320 per 100 g

Harira, zuppa marocchina

L’harira è una zuppa della cucina araba, in particolare marocchina, ricca e sostanziosa a base di carne e legumi, aromatizzata con numerose spezie.

  • Difficoltà
  • bassa
  • Preparazione
  • 90 minuti
  • Riposo
  • 4 ore
  • Calorie
  • 120 per 100 g
1 2 3 4 »