Nelle cucine di tutto il globo infatti se ne fa un ampio uso; i crostacei sono serviti da soli, o accompagnati da altri ingredienti, e possono essere cotti in modo differente: bolliti, fritti, al forno, saltati in padella o al vapore. I crostacei sono usati soprattutto per realizzare antipasti, primi piatti e secondi piatti di pesce. In Italia è molto nota la ricetta degli spaghetti allo scoglio, che prevede sia molluschi che crostacei, e quella del cocktail di gamberi, mentre in Spagna è particolarmente famoso l'astice alla catalana, un piatto molto pregiato. In Francia è molto diffusa la tradizione di preparare l'aragosta alla francese, con erbe e limone, un antipasto raffinato che trova posto soprattutto durante le feste e le occasioni speciali. Per apprezzare al meglio tutte le proprietà e il gusto dei crostacei bisognerebbe non conservarli a lungo e mangiarli il prima possibile. Astice e aragosta devono essere vive al momento della cottura, poiché è questo l'indice di freschezza. I crostacei possono essere cotti sia con il guscio che sgusciati, a seconda del tipo, e necessitano in ogni caso di cotture semplici e brevi.

I crostacei possono avere varie dimensioni, ma la loro carne ha sempre un aspetto compatto e un sapore delicato, con gradevoli sfumature di mare, tanto che il sapore, il profumo e la bontà della polpa non hanno quasi rivali tra i piatti di pesce. Scampi, aragoste, astici, gamberi, canocchie, granchio e gamberetti si abbinano bene a condimenti naturali e semplici, come l'olio extravergine di oliva a crudo, oppure a salse fredde o calde realizzate con ingredienti di prima qualità. Si sposano alla perfezione con pasta e risotti, ma anche con verdure, insalate a base di lattuga, molluschi e frutti di mare. I crostacei sono particolarmente adatti a chi soffre di disturbi digestivi, poiché sono altamente digeribili, hanno un apporto calorico ridotto e sono buone fonti di proteine e grassi sani. In particolare, pare che il consumo di gamberi possa aiutare nella prevenzione del cancro e rallentare l'invecchiamento cellulare, grazie all'ottima quantità di antiossidanti presenti.