La varietà Fino dello Sherry è molto asciutta e dal corpo leggero, ed è usata per arricchire mandorle, olive, prosciutto, patatine e salse; la varietà Manzanilla dà il meglio di sé con frutti di mare e tapas; quella Amontillado è impiegata con piatti di pesce e a base di pollo; lo Sherry Oloroso si impiega per carni grasse e formaggi saporiti; la varietà Pedro Ximénez è ideale per dessert, dolci e gelati. Per assicurarsi di degustare uno Sherry originale bisognerebbe controllare che sia stato prodotto in Spagna, che abbia una gradazione alcolica tra i 15 e i 18 gradi e che sia ben invecchiato. È possibile conservarlo per due o tre anni in una bottiglia sigillata e, dopo l'apertura, si consiglia di consumarlo entro un paio di settimane, oppure di tenerlo in frigorifero per conservarlo più a lungo. Va servito freddo o a temperatura ambiente.

Lo Sherry ha genericamente un colore marrone scuro, un corpo leggero e un sapore aromatico, che in base alla varietà può avere un tocco di nocciola, di mandorla, di noce o di caramello. La varietà Pedro Ximénez ha un sapore ultra dolce e una gradazione alcolica inferiore agli altri tipi. Questo liquore si combina bene con altri ingredienti sia dolci che salati, come ad esempio il cioccolato, la frutta secca e la vaniglia, ma si accosta bene anche a miele, fichi secchi, tamarindo e carne rossa.