Albero Fiorito, Milano

17 febbraio 2014

Se ne sta nascosto senza insegna in una vietta senza uscita, praticamente introvabile, che se non te lo indicano non puoi scoprirlo da solo. Eppure l’Albero Fiorito è un punto di riferimento per molti da oltre 50 anni, da quando Gianni e sua sorella Pinuccia, arrivati dal Friuli, lo aprirono insieme alla madre in una zona all’epoca periferica della città. un ristorante semplice ed economico dove gustare una genuina cucina lombardo-veneta E da allora nulla, o quasi, è cambiato. Ci si va perché è semplice, domestico, genuino e (molto) economico. Una vera osteria vecchio stile: tavolini con le tovaglie a quadri e il menu scritto a mano. In inverno al centro del locale campeggia una stufa. Il pubblico di avventori è uno spettacolo di varia umanità: dagli studenti agli operai, dai professionisti agli hipster, dai vecchi frequentatori ai turisti. È come essere a casa di una vecchia zia un po’ severa, che ti mette a sedere coi suoi ospiti mentre lei cucina, si mangia presto e il venerdì è naturalmente dedicato al pesce. L’ordinazione si scrive direttamente su un foglietto, poi si va al banco a prendere acqua e vino. Non è il posto dove stare a tavola le ore, perché finito di mangiare si lascia il posto a qualcun altro, ma il tempo è giusto quello per gustare i piatti preparati secondo la tradizione lombardo-veneta: sarde in saor, fiori di acacia, zuppa di verdure, fegato alla veneta, bollito in salsa verde, formaggio fritto, accompagnati da contorni come carciofi ripieni, radicchio rosso e barbabietole. Per finire, mousse al cioccolato e torta al cioccolato e pinoli. E, ovviamente, grappa.

Albero Fiorito

  • Indirizzo: via Pellizzone 14, Milano
  • Chiusura: sabato a cena e domenica
  • Spesa: entro i 30€
  • Tel: 02 70123425

I commenti degli utenti